Attenzione! C’è ancora poco tempo a disposizione per poter richiedere il bonus affitto. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

bonus affitto
Foto © AdobeStock

In un momento storico complicato come quello attuale, a causa dell’impatto del Covid, sono molte le persone che si ritrovano a dover fare i conti con una difficile gestione del bilancio famigliare. Riuscire a fronteggiare le spese quotidiane risulta sempre più difficile, con il governo che ha per questo motivo deciso di intervenire, attraverso misure ad hoc.

Tra questi si annoverano le varie agevolazioni approvate, come ad esempio il bonus affitto 2021. Una misura particolarmente attesa, per cui i soggetti interessati è bene che si affrettino. Infatti c’è ancora poco tempo a disposizione per poter beneficiare di questo incentivo statale. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Bonus affitto, attenzione: c’è ancora tempo fino al 6 settembre per richiederlo

C’è tempo fino al 6 settembre per presentare richiesta per il bonus affitto. Quest’ultimo ricordiamo, è rivolto ai proprietari di casa che decidono di ridurre il canone di affitto al proprio inquilino nel periodo compreso tra il 25 dicembre 2020 e il 31 dicembre 2021. Il bonus, quindi, consiste in un rimborso del 50% dell’ammontare complessivo della riduzione concessa, fino a un importo massimo pari a 1.200 euro.

La somma di denaro viene quindi corrisposta in seguito sul conto corrente che il soggetto richiedente indica appositamente nella domanda. Quest’ultima, come già detto, deve essere presentata entro e non oltre lunedì 6 settembre. Per quanto concerne le rinegoziazioni, invece, devono essere comunicate all’Agenzia delle Entrate entro il 31 dicembre 2021. Tale agevolazione, ricordiamo, può essere richiesta solamente in presenza di contratti attivi alla data del 29 ottobre 2020, per immobili collocati nei Comuni ad alta tensione abitativa.

LEGGI ANCHE >>> Inps, non ci sono soldi per pagare la quarantena: stipendi a rischio

Tra questi si annoverano: Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia. Ne hanno diritto anche i Comuni confinanti e gli altri Comuni capoluogo di provincia. Coloro interessati devono quindi presentare apposita istanza solamente in modalità telematica attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate, al percorso “Servizi per – Comunicare”. Se interessati, quindi, affrettatevi. C’è ancora tempo solo fino al prossimo 6 settembre.