Un successo planetario. L’inno alla donna che con la sua morte aveva spezzato il suo cuore e quello dei suoi sudditi.

Lady D
Lady D (GettyImages)

E’ il 31 agosto del 1997 , la principessa Diana Spencer è in macchina con il suo compagno Dodi Al-Fayed e la loro guardia del corpo. L’autista, secondo molti ubriaco provando a seminare un gruppo di paparazzi per le vie di Parigi schianta l’auto che guidava lungo il percorso del tunnel del Pont de l’Alma di Parigi. Moriranno tutti, tranne la guardia del corpo della coppia. Lady Diana aveva 36 anni. Al suo funerale il suo grandissimo amico Elton John commuoverà ancora di più il mondo intero al suo pianoforte.

Il 6 settembre ai funerali della Principessa Diana, ex consorte del Principe Carlo d’Inghilterra, l’artista ed amico fraterno Elton John al pianoforte eseguirà all’interno dell’ abbazia di Westminster, una versione dedicata all’amica Diana di “Candle in the wind”. Inizialmente dedicata a Marilyn Monroe e pubblicata negli anni settanta, la canzone trovava la sua particolare dedica nella strofa inziale: “Goodbye England’s rose
May you ever grow in our hearts” (Addio rosa d’Inghilterra, che tu possa sempre crescere nei nostri cuori).

“Candle in the wind”, successo senza precedenti in memoria della principessa del popolo

Da quel momento, quel brano segnò per sempre il ricordo più intenso della Principessa Diana, amata dai suoi sudditi, osteggiata spesso, troppo spesso dalla famiglia reale. Quell’inno, nelle settimane che seguirono quei 6 settembre restò in classifica al primo posto in Inghilterra ma non solo per tantissimi giorni, portando ad eccezionali vendite che fruttarono in poco tempo cifre molto vicine ai 5 milioni di copie vendute.

Le royalties, tutte, vennero devolute dall’artista, insieme ai profitti della casa discografica, alla fondazione Diana, Princess of Wales Memorial Fund, un gesto che ancora di più ha mostrato il grandissimo affetto che in vita, aveva legato Lady Diana ad Elton John. Milioni di dollari incassati, e tanta beneficenza cosi come avrebbe voluto la principessa. Cosi come avrebbe chiesto se avesse potuto. Il 31 agosto del 1997 l’Inghilterra perse la sua rosa più preziosa, ma grazie a questo brano, la sua bellezza ed il suo profumo diverranno immortali.