In seguito ad un grave errore sono stati ritirati dagli scaffali alcuni prodotti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

prodotti ritirati
Foto © AdobeStock

Sugli scaffali dei supermercati troviamo tanti prodotti grazie ai quali poter imbandire le nostre tavole. A partire dalla pasta fino ad arrivare alla pizza, in effetti, sono molti gli alimenti in grado di soddisfare i palati sia di grandi che di piccini. Disponibili in varie forme e dimensioni, d’altronde, abbiamo solo l’imbarazzo della scelta. Allo stesso tempo si invita sempre a volgere un occhio di riguardo alle caratteristiche del cibo che compriamo.

Questo al fine di evitare di dover fare i conti con delle spiacevoli sorprese. Proprio in tale ambito giunge in nostro aiuto il Ministero della Salute che provvede tempestivamente ad avvisare le persone, nel caso in cui vengano rilevate contaminazioni di cibi e bevande. Ne sono una chiara dimostrazione alcuni prodotti che sono stati recentemente richiamati. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

Errore gravissimo, non mangiate questi prodotti: ritirato lotto peperoncino piccante

Il ministero della Salute ha pubblicato l’avviso di richiamo di un lotto di  peperoncino piccante ripieno con tonno e capperi a marchio Le conserve Toscane, per via della “presenza di sedano e soia quale sostanza allergizzante – non dichiarata in etichetta“. Il prodotto oggetto di richiamo, ricordiamo, è di 314 Ml, peso netto 290 grammi, peso sgocciolato 180 grammi.

Il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato è Lombardi Clausio S.R.L., mentre il marchio di identificazione dello stabilimento o del produttore è Lombardi Claudio. Il nome del produttore è Giannviki, con sede dello stabilimento al n. 17 di via Petrovec, Skopie, in Macedonia. Il numero del lotto di produzione interessato è 26032021, con data di scadenza al 31 dicembre 2024.

LEGGI ANCHE >>> Tonno in scatola: qual è il migliore del 2021, attenti alle caratteristiche

Altro lotto incriminato

Tutte le volte in cui acquistiamo degli alimenti è bene prestare attenzione alle relative caratteristiche. Proprio in tale ambito, come già detto, giunge in nostro aiuto il Ministero della Salute che provvede tempestivamente ad avvisare le persone. Diversi, in effetti, sono i prodotti ultimamente ritirati dagli scaffali.

Tra questi si annovera il richiamo della cannella in polvere Trs Cinnamon Powder 20×100 grammi. Il motivo è da rinvenire alla presenza di “solfiti rilevati e non dichiarati 13,5 mg /kg“. Il prodotto in questione è commercializzato dalla Trs Wholesale Co. Limited con sede a Southbridge Way, The Green, Southall Middx (Uk) Ub2 4Ax. Il numero di lotto interessato è il 2020210. Se in possesso di questi prodotti si raccomanda di riportarli al punto vendita per la relativa sostituzione.