Cartelle esattoriali, da pagare o condonate? Come scoprirlo

Cartelle esattoriali, dubbi sui pagamenti o eventuale stralcio: ora è possibile controllare tutto online, ecco come

Cartelle esattoriali (Fonte foto: web)

L’incubo delle cartelle esattoriali non sarà più sconosciuto fino all’ultimo momento. Da oggi, è possibile andarle a controllare e sapere quindi in anticipo se una di queste sta per arrivare o magari se quella che ci interessa fa parte del condono che investe quelle tra il 2000 ed il 2010. Viste le tante novità di settembre, è un bene ora poter controllare le cartelle direttamente dal pc o da un tablet grazie alla sezione messa a disposizione dei contribuenti, dall’Agenzia delle Entrate e Riscossione.

Per farlo, bisogna entrare nella Sezione Cittadini del sito agenziaentrateriscossione.gov.it, ed andare a cliccare su “Controlla la situazione”. A quel punto, ci sono cinque possibilità per continuare a navigare sulla pagina, andando a trovare la propria area personale. Entrare con Spid, Cie, Carta nazionale dei servizi, credenziali rilasciate dalla stessa Agenzia delle Entrate o grazie al portale Inps, ma solo se in possesso dello Spid.

Cartelle esattoriali online: come controllare per le aziende

Per le cartelle esattoriali aziendali, si tratta di fare quasi gli stessi movimenti. Invece di cliccare su Cittadini però, andremo affianco, su Imprese e Professionisti. Qui diventano tre le possibilità per entrare e sono: Cie; Carta nazionale dei servizi e credenziali dell’Agenzia delle Entrate. Una volta scelto per chi o cosa entrare, ecco come controllare.

Nelle aree personali, potremo trovare la situazione debitoria; c’è possibilità di pagare; chiedere la rateizzazione di un debito, se questo è inferiore a 100mila euro; chiedere la sospensione delle misure di riscossione; prendere visione della documentazione per un’eventuale adesione alla pace fiscale.

Ora, capiamo meglio in che modo effettuare il controllo. Una volta entrati nell’area personale, bisognerà cercare la voce “situazione debitoria”. Troveremo in avanti, un menù a tendina, ci si clicca e da lì si potrà scegliere o la situazione personale o quella dell’impresa. Per andare avanti, digitare Codice Fiscale o Partita Iva a seconda del caso.

LEGGI ANCHE>>> Alt Agenzia delle Entrate: questi beni non potranno mai essere pignorati

Qui, ci sarà chiesto cosa preferiamo guardare, se le cartelle esattoriali in debito o quelle già pagate. Per quelle su cui abbiamo dubbi, andremo quindi alla voce “Cartelle esattoriali da saldare“, per poi andare su una delle tre opzioni: controllare i dettagli dei diversi documenti; visualizzare importi ancora da pagare con relative scadenze; verificare se i suddetti importi siano sospesi, rateizzati o scontati. E in quella pagina potrete poi anche pagare le stesse cartelle. L’Agenzia delle Entrate e Riscossione infine, ha anche preparato una guida per il controllo delle cartelle, che trovate qui.