Settembre è atteso non solo per la ripresa di tutte le più classiche attività lavorative, ma anche per la questione pensioni.

100 Euro (Fonte foto: Pixabay)

I pensionati italiani attendono con ansia il mese di settembre. Il motivo? Il tanto atteso bonus, che in realtà bonus vero e proprio non è, parliamo infatti di rimborsi legati all’Irpef che potranno arrivare direttamente sui conti corrente dei cittadini italiani. Ma non per tutti sarà cosi, per molti altri, invece ci sarà la situazione opposta e cioè una trattenuta, che potrebbe scaturire da molteplici cause. Questioni legate all’Irpef o di tutt’altra natura.

Un esempio potrebbero essere trattenute ad esempio regionali, che quindi potrebbero trasformarsi in addebiti che si presenteranno automaticamente sui conti correnti dei pensionati italiani. Una situazione che a quel punto diverrebbe non poco piacevole, considerato che per molti altri, invece la situazione sarà totalmente diversa. Dopo il bonus Draghi sulle pensioni, insomma, arriverà anche quest’altro tipo di inaspettato, per molti, regalo.

Inps, cosa succede se il cittadino deve pagare invece di ricevere

La posizione Inps in merito è più che chiara, parliamo di una eventualità concreta che l’istituto ha tenuto a chiarire, ipotizzando situazioni in cui il contribuente sia in debito più che in credito con lo Stato: “L’eventuale rateazione degli importi a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi deve obbligatoriamente concludersi entro il mese di novembre per cui, se la risultanza contabile sia stata ricevuta dall’Istituto nei mesi successivi a quello di giugno, non sarà possibile garantire il numero di rate scelto dal dichiarante per il versamento dei debiti d’imposta”.

LEGGI ANCHE >>> Altra novità dall’Inps, i pensionati non saranno più soli: la delega digitale

La situazione, insomma appare piuttosto delineata. Non tutti i pensionati riceveranno lo stesso trattamento e ciò dipenderà chiaramente dalla loro posizione fiscale. Il Governo, come spesso successo negli ultimi mesi prova a sostenere anche questa categoria che, cosi come tutte le altre ha particolarmente sofferto per varie ragioni, l’avanzare della crisi post pandemia. Una situazione inattesa che di certo ha colto tutti alla sprovvista, non offrendo nemmeno il tempo per poter realizzare una risposta concreta. Il bonus pensioni arriverà, e saranno milioni i contribuenti che potranno goderne.