Il progetto della Piazza Wi-Fi gratuita aumenta di volume. E Perugia (come tutta l’Umbria) diventa il catalizzatore dei buoni risultati.

Wi-Fi
Foto © AdobeStock

Lo hanno chiamato Piazza Wi-Fi Italia e ha un unico obiettivo: garantire una connessione gratuita nella maggior parte delle città italiane. Anche in luoghi dove, solitamente, connettersi a una rete è roba complicata. Un’iniziativa partita in sordina ma che, man mano, sembra guadagnare sempre più punti. Nel prossimo futuro, infatti, ci si potrebbe ritrovare di fronte a una rete di connessione gratuita estremamente ampia, in grado di garantire un servizio ramificato ed efficiente in numerose zone d’Italia.

Il progetto è ancora in fase di sviluppo ma l’andazzo sembra quello giusto. La rete è realizzata da Tim e guidata da Infrate Italia. Un piano iniziato il 23 gennaio 2019 e che, da marzo 2020, ha visto imprimere un’accelerazione importante. In piena pandemia peraltro, quando ci si è resi conto che la connettività e un Wi-Fi perfettamente funzionante sono requisiti ormai necessari. Il risultato, provvisorio, è di 5 mila hot spot gratuiti, destinati ad aumentare. Per accedere, basterà scaricare l’app WiFi Italia, su Android o iOS. L’accesso diventerà automatico ogni volta che si cliccherà sull’icona.

Wi-Fi gratuito, le aree raggiunte dal progetto Piazza Italia

Fra le regioni più avanti con la sperimentazione c’è l’Umbria. Il digital divide si era fatto sentire piuttosto intensamente e, per questo, si è deciso di imprimere qui l’accelerata decisiva. E i risultati sembrano andare nella giusta direzione: soprattutto a Perugia, i luoghi raggiunti dall’iniziativa Piazza Wi-Fi Italia sono ormai estremamente numerosi. Di fatto, in qualunque zona della città, previa applicazione, è possibile connettersi in modo del tutto gratuito, senza gravare sulla rete del proprio telefono. Del resto, com’era stato annunciato, il progetto non coinvolge solo le grandi città.

LEGGI ANCHE >>> La connessione scende in… piazza: ecco il Wi-Fi gratis che sbaraglia la concorrenza

Anzi, uno degli obiettivi era proprio rivolgere l’indirizzo verso le aree più soggette a digital divide. Ed ecco che, in una città come Perugia, il progetto ha preso piede, arrivando a coinvolgere persino alcuni mezzi del trasporto pubblico. Al momento, fra le aree più interessate dal Wi-Fi gratuito si annovera tutto il Centro storico, ma anche le biblioteche e addirittura alcune chiese e musei. Ad esempio, rientrano nell’elenco la Cappella San Severo e il Museo di Palazzo della Penna, in zona bar e chiostro interno, ma anche l’atrio del Palazzo dei Priori. Interessati anche gli uffici comunali aperti al pubblico e la Stazione di Sant’Anna. Per la serie, il Wi-Fi non ci lascia mai soli.