Pensione, occhio al cedolino: aumento in vista per settembre

A settembre, il cedolino della pensione potrebbe vedere un aumento dovuto al rimborso 730. Ma per qualcuno si profila il conguaglio a debito.

Pensione
Foto © AdobeStock

Possibili novità in vista nel cedolino pensione di settembre. Per alcuni fruitori dell’assegno pensionistico, infatti, all’orizzonte della stagione estiva si profila un possibile aumento anche se, per ora, il tutto risulta ancora in divenire. Anche perché il cedolino di riferimento non è ancora online (anche se dovrebbe esserlo dopo ferragosto). L’oscillazione (poiché accanto all’aumento potrebbero essere registrate anche diminuzioni) dipende dal rimborso 730/2021. Più o meno la stessa cosa accaduta ad agosto. E, come nel mese in corso, resterà il vantaggio dell’anticipo per chi ritirerà la somma in contanti.

La differenza principale rispetto al mese di agosto, è che il rimborso 730, a settembre, potrebbe riguardare una platea di beneficiari ben più ampia. Nel mese corrente, infatti, a ricevere il rimborso sono stati coloro che hanno optato per l’Inps come sostituto d’imposta e i cui flussi sono pervenuti dall’Agenzia delle Entrate entro il 30 giugno. Il leitmotiv resterà probabilmente lo stesso: il rimborso 730 sul cedolino pensione dovrebbe riguardare proprio i flussi pervenuti dall’ente.

Pensione, possibile aumento a settembre: ecco per chi

In sostanza, per la pensione di settembre Inps potrebbe procedere sia al rimborso dell’importo a credito del contribuente che alla trattenuta, qualora si palesi il caso del conguaglio a debito, sempre del contribuente. Sarà possibile effettuare, anche a settembre, la rateazione degli importi a debito, a patto che venga conclusa (obbligatoriamente) entro il mese di novembre. In pratica, come precisa l’Inps, nel momento in cui la risultanza contabile sia relativa ai mesi successivi a giugno, non verrà garantito il numero di rate scelto.

LEGGI ANCHE >>> Pensione, meglio pensarci prima: tutto quello che c’è da sapere

Sarà proprio l’Inps a confermare, tramite comunicazione ufficiale, gli eventuali rimborsi presenti a settembre nel cedolino della pensione. Va comunque tenuta in considerazione l’ipotesi di ritrovarsi un conguaglio a debito del 730. Possibile spazio anche all’Irpef mensile con trattenuta delle addizionali regionali e comunali relative al 2020. Anche il recupero delle ritenute Irpef potrebbe coinvolgere il prossimo cedolino, qualora siano state effettuate in misura inferiore rispetto al dovuto su base annua.