Bollo auto: quale macchina conviene acquistare per ridurre la spesa dell’odiata tassa

Adobe Stock

Il bollo auto, la tassa più odiata dagli italiani, nasconde dei segreti legati all’acquisto di specifiche macchine. Scopriamo come risparmiare scegliendo tra benzina, gpl e metano.

Pixabay

L’importo del bollo auto varia in base ai kilowatt del veicolo e alla classe ambientale della macchina in proprio possesso. Riuscire a ridurre al minimo la spesa da sostenere per il pagamento della tassa automobilistica è un obiettivo primario per tanti italiani. Dover sostenere annualmente un’uscita dall’importo anche elevato, influisce notevolmente sul budget familiare e molti sperano che, più prima che poi, il bollo venga abolito. Nel frattempo, possiamo conoscere le tipologie di auto che ci consentiranno di risparmiare sull’odiata tassa.

Costo del bollo auto a kilowatt, ecco le variabili

All’interno del libretto di circolazione è possibile leggere i kilowatt della propria macchina. Questo dato è importante perché legato al costo del bollo. Allo stesso modo, un’altra variabile è la classe ambientale del veicolo. Nello specifico, un’auto Euro 0 fino a 100 kW di potenza prevede una spesa di 3 euro/kW. Superando i 100kW il costo sale a 4,50 euro. Un veicolo Euro 1 fino a 100 kW di potenza ha un costo di 2,90 euro a kW che aumenta a 4,35 superati i 100 kW.

La spesa per un’auto Euro 2 sarà di 2,80 euro fino a 100 kW e di 4,20 euro superato tale limite. Le Euro 3 prevedono una spesa di 2,70 euro fino a 100 kW e di 4,05 euro oltre i 100 kW. Infine, le auto Euro 4-5-6 hanno un costo di 2,58 euro fino a 100 kW e di 3,87 euro superando i 100 kW.

Auto elettriche, ecco le agevolazioni sul bollo auto e non solo

Dato che la classe ambientale influisce sul costo del bollo auto è ipotesi corretta supporre che l’acquisto di auto elettriche comporti un’agevolazione sul pagamento della tassa. Nello specifico, i proprietari di un’auto elettrica saranno esentati dal pagamento del bollo auto per cinque anni. Alcune regioni hanno allungato tale periodo temporale scegliendo tempistiche differenti. Altre invece hanno accorciato il periodo a tre anni come il Veneto, l’Abruzzo, il Lazio, la Basilicata, la Campania, l’Umbria e la Sicilia.

Allo scadere dell’esenzione, poi, è prevista una riduzione del 75% sull’importo della tassa automobilistica. I proprietari di auto elettriche possono usufruire, inoltre, di sconti sull’assicurazione e di altre agevolazioni sulla circolazione.

Leggi anche >>> Risparmiare sulla benzina: gli stili di guida che riducono i consumi

Metano o gasolio, quali incentivi sono previsti

E’ risaputo che i veicoli a benzina sono altamente inquinanti e hanno consumi elevati nonostante il prezzo di acquisto sia inferiore rispetto a veicoli con diversa alimentazione. Per incentivare gli automobilisti ad optare per auto a gpl e metano è concessa un’agevolazione fiscale che corrisponde ad una riduzione del 75% del bollo auto. Alcune regioni, poi, promettono ulteriori benefici per chi acquista veicoli omologati per la circolazione esclusiva a gpl o metano. Parliamo del Piemonte, della Puglia, della Liguria, della Lombardia, Trento e Bolzano.