Nessun 6 nell’ultima estrazione del Superenalotto, la ruota sembra essersi fermata a Montappone, da li nient’altro.

Foto © AdobeStock

L’ultima estrazione non ha regalato le soddisfazioni che molti speravano di ottenere da questa estrazione estiva. La combinazione vincente è stata la seguente: 53 47 56 49 16 14 Jolly 22 Superstar 59. Di 6 nemmeno l’ombra, anche se fa molto clamore un 5+1 indovinato a Padova dal sapore davvero speciale. 520mila euro per il fortunato vincitore, una cifra assolutamente di tutto riguardo in un momento storico davvero molto particolare.

A Padova, una giocata memorabile, da mezzo milione di euro insomma, una di quegli episodi che certo, la vita la cambiano. Non saranno i 156 milioni della volta scorsa, di Montappone per intenderci, ma parliamo in ogni caso di una cifra che può entrare tranquillamente nelle nostre vite e stravolgerle. Immaginiamo poi di questi tempi, cosa possa rappresentare una cifra del genere, tra difficoltà ed incertezze.

LEGGI ANCHE >>> SuperEnalotto, Lotto, 10eLotto, Simbolotto estrazione martedì 10 agosto 2021

Sono lontani i fasti di Montappone, oggi ci si accontenta di molto meno

Quando si parla di Superenalotto gli occhi e la mente tornano immediatamente ai fatti di Montappone, nelle Marche, dove lo scorso maggio fu centrato il mitico 6 al Superenalotto da 156 milioni di euro, una vincita davvero incredibile. In quei giorni nella piccola cittadina marchigiana montava la curiosità per conoscere l’identità del vincitore, del neo milionario che proprio li aveva deciso di far fortuna. Capire se fosse una persona del posto o di chissà dove.

Addirittura il sindaco si fece vivo, indicando al vincitore una serie di iniziative alle quali avrebbe potuto partecipare per offrire il suo prezioso contributo alla causa locale. Ma del vincitore nessuna traccia, soltanto una chiamata alla tabaccheria dove era stata effettuatala giocata.

LEGGI ANCHE >>> La Lotteria degli Scontrini le cambia la vita: l’importo della vincita da urlo

Nella chiamata, il vincitore, senza identificarsi, spiegava al titolare dell’attività che non si sarebbe dimenticato di lui e che gli avrebbe fatto un bel regalo. Chissà cosa è poi successo da quelle parti. Nel frattempo in altre zone d’Italia si sogna e spera con il Superenalotto, come prima, forse più di prima, sperando di poter gridare di gioia, prima o poi.