Rimborso del 730: siamo pronti per spiegare come si calcola e come verificare l’esatto importo che si otterrà con la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Modello 730
Foto © AdobeStock

Il modello 730 per la dichiarazione dei redditi consente di avere un rimborso su alcune spese effettuate durante l’anno e in relazione ad altri pagamenti corrisposti. Conoscere i fattori che influenzano l’importo del rimborso è fondamentale per capire come procedere con il calcolo della somma che spetterà. E’ altrettanto importante sapere la procedura da seguire per poter verificare la quota pagata in eccesso al Fisco che si riavrà indietro.

Leggi anche >>> Modello 730, quando il rimborso non va a buon fine: a cosa fare attenzione

Calcolo del 730, cosa si considera

Con il 730 si potrà stabilire la quota di tasse pagate in eccesso dal contribuente che dovrà essere, dunque, restituita dal Fisco. L’importo della tassazione si basa su un calcolo preventivo che spesso è superiore rispetto alla reale somma da corrispondere. Di conseguenza, compilando correttamente il modello 730 della dichiarazione dei redditi si potrà dimostrare di aver pagato un importo superiore rispetto a quanto dovuto.

L’Agenzia delle Entrate effettuerà il calcolo del rimborso del 730 considerando in primo luogo l’ammontare dello stipendio lordo e di quello netto, risultato dell’applicazione dei contributi previdenziali e dell’IRPEF. Il dato ottenuto consente di conoscere l’imponibile, la somma su cui si applicano le tasse. Dall’imponibile saranno detratti gli oneri deducibili e le imposte corrisposte dal sostituto di imposta. Il calcolo, poi, terrà conto della quota di imposta pagata per i redditi secondari. 

Leggi anche >>> 730 precompilato: come fare per allontanare i controlli del Fisco

Come verificare l’importo del rimborso del 730 da ottenere

Per verificare l’importo del rimborso del 730 occorrerà prendere visione del modello e visitare la sezione denominata “Risultato della Liquidazione”. Nel rigo 163 si potrà leggere la cifra spettante a titolo di rimborso da parte del datore di lavoro o dell’ente pensionistico di riferimento mentre nel rigo 164 sarà indicata la quota di rimborso corrisposta dall’Agenzia delle Entrate per i dipendenti senza sostituto di imposta.

Leggi anche >>> Busta paga, in arrivo rimborsi fino a 1880 euro: ecco chi ne ha diritto

Compilazione del 730, come muoversi

Per compilare correttamente il 730 si possono seguire diverse strade. I lavoratori possono accedere alla sezione nel sito dell’INPS dedicata al modello precompilato del 730. Seguendo la procedura e gli aiuti messi a disposizione dei contribuenti, si potrà compilare sezione dopo sezione il modello e alla fine della procedura si potrà visualizzare l’importo del rimborso del 730.

In alternativa, Caf e patronati sono a disposizione dei cittadini per aiutare nella compilazione così come le strutture private che si occupano dello svolgimento di queste pratiche particolari. Ricordiamo che per ottenere il rimborso e non rischiare di essere sanzionati, il modello dovrà essere compilato in maniera esatta, senza dimenticanze o errori.