Home Attualità Lista Dubai, la richiesta dell’Italia alla Germania: la caccia agli evasori è...
Pixabay

Lista Dubai, la richiesta dell’Italia alla Germania: la caccia agli evasori è aperta

La Lista Dubai è l’obiettivo primario dell’Italia per dare la caccia agli evasori fiscali. La richiesta alla Germania è stata inoltrata con esito positivo.

Pixabay

L’Italia ha richiesto la Lista Dubai alla Germania. Parliamo di un elenco contenente informazioni attendibili sugli evasori fiscali che provengono da numerosi paesi europei, tra cui il nostro. Nonostante i dubbi sulle modalità con cui la Germania abbia ottenuto l’ambita lista, si pensa ad un hacker ricompensato profumatamente con due milioni di euro, l’Italia vuole avere quei nomi per colpire chi si macchia di evasione fiscale appoggiandosi agli Emirati Arabi Uniti.

Leggi anche >>> Lotta all’evasione fiscale, arriva la lista nera: ecco chi rischia

L’Italia chiede alla Germania di poter avere accesso alla Lista Dubai secondo quanto stabilito dagli accordi europei. I dati di natura fiscale, infatti, sono trasmissibili da un paese all’altro previa richiesta. Laura Castelli, sottosegretario all’economia, ha reso noto che le autorità italiane stanno lavorando per reperire i nomi degli evasori fiscali. Ha inoltre manifestato la contentezza per poter visionare la Lista dato che la Germania si è resa disponibile a mettere l’elenco a disposizione dei partner internazionali.

Leggi anche >>> Il ritorno del redditometro: attenzione alle nuove regole contro l’evasione fiscale

L’Agenzia delle Entrate pronta alle verifiche grazie alla Lista Dubai

Man mano che l’Agenzia delle Entrate acquisirà i dati della Lista Dubai, procederà con le verifiche per identificare tutti coloro che non hanno dichiarato di aver spostato il capitale all’estero. Gli evasori fiscali potranno essere individuati e subire le conseguenze delle loro scelte. Le tempistiche dovrebbero essere veloci dato che la nostra nazione ha richiesto per seconda le informazioni alla Germania, dopo la Francia.

Non è la prima volta che si svolge un’operazione del genere. Negli anni passati, protagonisti delle verifiche erano stati i cittadini con conti in Svizzera non dichiarati. Ora, invece, c’è la Lista Dubai che consentirà di scovare chi ha compiuto operazioni illecite sopra i 15 mila euro.