L’Agenzia delle Entrate fornisce indicazioni riguardo la cessione del credito. Per i cessionari, scatterà l’implementazione della comunicazione massiva.

Cessione del credito Agenzia Entrate
Foto © AdobeStock

Tempo di comunicazione per l’Agenzia delle Entrate, che scioglie alcuni dubbi anche in relazione alla cessione del credito fornendo nuove istruzioni operative. In particolare, con il provvedimento del 29 luglio 2021 vengono fornite delle specifiche tecniche in relazione all’aspetto comunicativo della cessione. Le nuove istruzioni, consentiranno di inviare le richieste di accettazione o di rifiuto in misura maggiore delle pratiche di cessione del credito. La base sarà costituita dai dati della piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, predisposta appositamente per consentire l’operazione.

Gli esiti delle richieste verranno emesse in modalità telematica. Ma la novità principale comunicata dall’Agenzia delle Entrate riguarda la comunicazione massiva, sbloccata a partire dal 29 luglio 2021. La nuova funzione riguarderà sia l’accettazione che i rifiuti dei crediti ceduti. Secondo le nuove regole, l’obiettivo è snellire le procedure sia di verifica che di comunicazione legate alla cessione del credito, mettendo a disposizione una piattaforma ad hoc per la gestione delle pratiche.

LEGGI ANCHE >>> Bonus Inps, l’Agenzia delle Entrate scioglie i dubbi: pronti 600 euro, ecco per chi

Cessione del credito, ecco la comunicazione massiva: cosa cambia

Secondo quanto stabilito dal provvedimento del 29 luglio, il sistema di riferimento sarà la Piattaforma cessione crediti, alla quale si potrà accedere tramite l’area riservata dell’Agenzia delle Entrate. Al fine della comunicazione telematica, sia dell’accettazione che del rifiuto della cessione del credito, sarà compito dei cessionari inviare le richieste in modalità massiva (quindi con più dati inclusi) attraverso i canali dell’Agenzia. Allo stesso modo, sarà comunicato l’esito delle richieste, sia in caso di accettazione che di rifiuto. La tempistica stimata è di due giorni.

LEGGI ANCHE >>> L’incubo Agenzia delle Entrate torna ad abbattersi sui conti correnti

Nei due giorni di interregno, il cessionario avrà la possibilità di annullare la richiesta di accettazione o rifiuto trasmessa. Tale operazione riguarderà l’intero file trasmesso tramite piattaforma. Si tratta a tutti gli effetti di un servizio di implementazione, messo a disposizione per i titolari dei crediti cedibili e che consentirà di gestire tutti i passaggi dell’operazione fino alla comunicazione finale. L’obiettivo è migliorare il servizio anche nel prossimo futuro, con l’estensione della piattaforma a procedure simili, sia presenti che prossime.