Johnson & Johnson una delle aziende produttrici del vaccino anti covid ha deciso di ritirare dal mercato cinque creme solari spay. Scopriamo insieme i motivi della scelta

Johnson & Johnson
Fonte Pixabay

La società Johnson & Johnson ha ormai i riflettori puntati addosso e non solo per il vaccino anti-covid 19. La multinazionale statunitense ha deciso di ritirare dal mercato tutti i lotti di cinque prodotti, nella fattispecie creme solari.

L’avviso al momento riguarda solo gli Stati Uniti, per questo è bene verificare bene qualora si opti per dei prodotti acquistati online visto che potrebbero provenire proprio dagli USA. Vediamo di quali creme si tratta e cosa è stato rinvenuto all’interno di esse.

LEGGI ANCHE >>> Johnson&Johnson guai seri per la società che produce il vaccino

Johnson & Johnson: i motivi del ritiro delle creme solari

Appartengono alle linee Neutrogena e Aveeno e sono tutte spray. Ecco qui di seguito:

  • Neutrogena Beach Defense,
  • Neutrogena Cool Dry Sport, 
  • Aveno Protect + Refresh.
  • Neutrogena Invisible Daily, 
  • Neutrogena Ultra Sheer.

Sono stati richiamati e poi ritirati perché c’è il forte sospetto che possano contenere il benzeme, una sostanza cancerogena per gli esseri umani con una lunga esposizione.

È presente ovunque nell’ambiente e per questo siamo continuamente esposti a questo composto chimico. Fino a qualche decennio fa veniva utilizzato anche in farmaci, materiali plastici, gomme e coloranti. 

Si trova anche all’interno della benzina come antideodorante al posto del piombo tetraetile. Ad ogni modo è bene tenersi alla larga dal benzeme che causa danni all’organismo e può provocare anche dei tumori qualora venga inalato per molto tempo.

LEGGI ANCHE >>> Seconda dose AstraZeneca e Johnson&Johnson: come cambiano i piani

La Fda che si occupa della farmacovigilanza oltreoceano ha condotto degli studi a tal proposito ed è giunta alla conclusione che l’esposizione al benzene nelle quantità contenute nelle creme Johnson & Johnson oggetto del richiamo non è particolarmente pericolosa per la salute umana.

L’azienda però dal canto suo ha voluto garantire massima ai sicurezza ai suoi clienti, optando per la massima cautela. D’altronde per la produzione dei suddetti prodotti non è previsto l’utilizzo della deleteria sostanza.

Dunque in una fase in cui le polemiche sul vaccino J&J impazzano più che mai, sotto questo punto di vista la casa farmaceutica si è voluta lecitamente cautelare.