La sospensione non cambia i piani: gli accrediti dei rimborsi accumulati con il Cashback partiranno come da calendario. Ecco le date.

Cashback
Foto © AdobeStock

Il Cashback è sospeso per quel che riguarda il secondo semestre del 2021 (ovvero dall’1 luglio al 31 dicembre) ma, almeno per il momento, non c’è nulla che lascia presagire a una sospensione definitiva. Pur se il sentore resta quello dello stop, anche per la poca simpatia mostrata verso la misura del governo Conte dal premier successivo, Mario Draghi, a ora la politica dei rimborsi riprenderà a partire da gennaio 2022. La decisione della cabina di regia a Palazzo Chigi ha comunque imposto un brusco stop a quella che era stata presentata come una misura-incentivo ai pagamenti tracciabili.

Tuttavia, considerando che in molti si erano già impegnati (in modo corretto) ad accumulare le transazioni utili per il rimborso, la regia che ha deciso lo stop ha stabilito anche i tempi per l’accredito delle somme accumulate. E questo è valido, secondo decreto legge numero 99 del 30 giugno 2021, sia per i rimborsi da 150 euro (quelli ordinari) che per il maxi premio da 1.500 euro. Ovvero il Super Cashback, tanto contestato per via dell’inconveniente dei furbetti.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, tutto confermato: gli utenti ricevono l’atteso messaggio

Cashback, oltre la sospensione: tutte le date dei rimborsi

In pratica, chi ha accumulato le somme utili a ottenere il rimborso, riceverà il bonifico come da norma. Niente modifiche dell’ultimo minuto quindi, l’erogazione procederà secondo le regole stabilite all’inizio del Cashback. Tutto, come detto, avverrà secondo decreto. Nel senso che le date sono state ufficializzate ora ma seguiranno la rotta tracciata già qualche mese fa. Ad esempio, l’erogazione del bonus da 150 euro dovrebbe seguire il calendario ordinario. Per quanto riguarda il Super bonus, invece, qualche ritardo potrebbe esserci. Questo, indirettamente stavolta, a causa dei furbetti.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, le date per l’accredito di rimborsi e bonus

In effetti, coloro che hanno ritenuto valide le proprie transazioni indicate come sospette, hanno presentato adeguato ricorso. E, per questo, il ritardo è stato necessario per consentire di effettuare tutti i ricorsi del caso. Questo, naturalmente, è valido anche per quelle transazioni non registrate o non conteggiate all’interno dell’app IO. Stando così le cose, il bonus ordinario da 150 euro dovrebbe essere pagato entro 60 giorni dalla fine del periodo di riferimento, quindi entro il 28 agosto 2021. Il Super Cashback, invece, verrà erogato entro il 30 novembre 2021 per le transazioni effettuate dal 30 giugno.