Far capire l’importanza dei soldi ai bambini non è assolutamente un compito semplice. Con queste semplici tecniche si può riuscire nell’intento 

Importanza soldi ai bambini
Fonte Pixabay

Insegnare ai propri figli le cose basilari del mondo è un’azione fisiologica. Appena i bambini sono in grado di comprendere un minimo, è bene spiegare loro determinate dinamiche che si ritroveranno dinanzi durante il loro percorso.

Una di questa è l’importanza dei soldi. “Purtroppo” ad un certo punto anche loro dovranno uscire dal loro mondo ovattato e capire la dura realtà, dove le questioni meramente economiche ormai la fanno da padrone.

LEGGI ANCHE >>> Contactless Pay e Bancomat, la falla che fa paura: soldi a rischio hacker

Importanza dei soldi ai bambini: come farglielo capire in maniera efficace

A tal proposito ecco alcune tecniche di cui ci si può avvalere per far familiarizzare i più piccoli con il denaro. L’età giusta in linea di massima può essere intorno ai 5 anni, quando iniziano a fare le cose anche da soli, come ad esempio andare a comprare il gelato al bar della spiaggia.

Va fatto capire che va gestito e non sperperato perché proveniente dai sacrifici dei genitori. Può essere molto utile farlo diventare un gioco, in modo che possano assimilarlo meglio. Il logico proseguimento è insegnare loro a contare le monetine, così che imparino a metterle da parte per comprarsi un giochino o qualcosa di affine. Così facendo può rendersi conto anche delle differenze di valore tra i vari oggetti e i prodotti alimentari.

Con l’inizio delle scuole elementari, si può ponderare di istituire una paghetta che permetta loro di poter svolgere delle operazioni semplici come comprarsi un panino o degli arnesi utili ai fini scolastici. Naturalmente è bene non esagerare. Dare ad un bimbo un quantitativo eccessivo di denaro potrebbe rivelarsi un vero e proprio boomerang.

LEGGI ANCHE >>> Soldi, quanti se ne possono tenere in casa senza rischi: la verità che non ti aspetti

Un errore da non commettere per nessuna ragione, è quello di dare dei premi in denaro ai nostri figli. Le buone azioni vanno ricompensate in altro modo, altrimenti si potrebbe innescare nella sua mente che ad una buona azione corrisponde un soldino. Nulla di più sbagliato per l’educazione e la crescita dei piccoli.