Scopriamo insieme cosa non deve fare il titolare di un conto corrente per non intaccare in maniera deleteria il saldo a disposizione 

Conto corrente pignoramenti
Foto: Web

Avere un conto corrente comporta una serie di oneri ed obblighi che con le giuste scelte possono essere contenuti. Una meticolosità che può fare la differenza a fine mese e comportare un saldo più o meno corposo.

A tal proposito è bene comprendere quali possono essere le mosse fondamentali per evitare spiacevoli sorprese sul conto. Si tratta di azioni anche banali che alla lunga però possono fare tutta la differenza del mondo. Vediamole nel dettaglio analizzandole ad una ad una.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente, torna l’incubo della patrimoniale: quanti soldi perderemo?

Conto corrente: quali sono le operazioni da compiere mai

In primis è necessario evitare assolutamente il prelievo di contanti presso sportelli di altre banche. Purtroppo però capita che un po’ per pigrizia un po’ per necessità si opti per le filiali più vicine a casa o al luogo di lavoro. Il risultato è un costo che in quel momento può sembrare irrisorio (le commissioni interbancarie ammontano a 3 euro), ma che a lungo andare intacca e non poco i nostri risparmi.

Chi opta per un conto online invece deve abbandonare definitivamente le operazioni alle sportello. Un pagamento o un trasferimento di denaro potrebbe portare in alcuni casi a spese di circa 10 euro, che se fatte con costanza potrebbero causare un ammanco consistente sul c/c. Quindi, al passo con i tempi è bene usufruire dei servizi di home banking che abbinano sicurezza e risparmio.

LEGGI ANCHE >>> Allarme spoofing, la truffa che svuota il conto corrente: quali sono le banche colpite

Su questa scia troviamo il bonifico per cassa che può essere effettuato anche in contanti. Solitamente lo fa chi non possiede un conto ma non è escluso che anche un correntista possa farlo (comportando un grosso danno a sé stesso). Inoltre è bene rammentare che il bonifico online è gratuito.

Facendo un calcolo della spesa mensile che potrebbero comportare le suddette operazioni compiute in maniera minima (1 prelievo presso un’altra banca, 2 pagamenti allo sportello e 2 bonifici per cassa) si potrebbe arrivare anche a 50 euro mensili.