Sapere se i propri debiti rientrano o meno tra le cartelle stralciate? Niente di più semplice da gestire, da oggi.

Cartelle esattoriali
Foto: Web

Controllare se la propria posizione debitoria nei confronti dello Stato è stata o meno stralciata? Niente di più semplice, oggi. La pace fiscale fortemente voluta da Governo Draghi con la cancellazione di situazioni pendenti sotto i 5000 mila euro relative ad un periodo che va dal 2000 al 2010. L’Agenzia delle entrate – Riscossione mette al servizio degli italiani una nuova funzione un nuova semplice possibilità per gestire in completa autonomia il controllo della propria eventuale posizione debitoria.

Lo stralcio dei debiti citati, quelli cioè facenti riferimento ad un periodo che va dal 2000 al 2010 avviene in modalità del tutto automatica, non esiste quindi la possibilità, eventualmente di produrre una sorta di errore nella gestione della suddetta pratica. Tutti gli utenti interessati, potranno, quindi, con tutta tranquillità verificare la propria posizione debitoria comodamente da casa propria collegandosi al sito web dell’Agenzia delle entrate

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle Entrate, difendersi dalle cartelle esattoriali è possibile

Stralcio cartelle esattoriali: sapere se si è rientrati o meno nel decreto Sostegni

Il decreto Sostegni, da qualche mese a questa parta sta provando a fare in modo di servire una serie di tutele e vantaggi a tutte le classi produttive italiane, con un occhio di riguardo, chiaramente a quanti hanno avviato e gestiscono attività imprenditoriali. In quel caso, ad esempio, sono scattati una serie di bonus per sopperire alle perdite riportate in seguito alla mancanza di lavoro nella fase più critica della pandemia, quella che ha costretto i vari governi a varare una serie di terribili restrizioni.

Per tutti, invece la possibilità di cancellare eventuali situazioni pendenti relative al decennio 2000/2010 con un doppio fine, alleggerire il cittadino da una situazione debitoria in un modo o nell’altro ancora presente, ed alleggerire allo stesso tempo la macchina dello Stato che ancora i trova a dover gestire determinate situazioni dopo molti anni.

LEGGI ANCHE >>> Fisco, occhio ai debiti: ecco come uscirne

Codice fiscale, numero comunicazione inviata da Agenzia delle entrate-Riscossione, data comunicazione inviata da Agenzia delle entrate-Riscossione, email di riferimento. Questo tutto ciò che occorre per verificare la propria posizione sul sito preposto dell’Agenzia delle entrate. Lo stralcio delle cartelle avviene, o è già avvenuto per situazioni debitorie sotto i 5000 euro, con un reddito inferiore ai 30mila euro, con riferimenti per le posiziono di debito risalenti al decennio 2000/2010. Questo è quanto bisogna sapere, per tutto il resto bisogna controllare il sito web dell’Agenzia delle entrate- Riscossione.