Facebook arranca, la condivisione diventa un problema: cosa sta succedendo

Niente condivisioni e contenuti bloccati: Facebook manda in tilt gli utenti ma le spiegazioni, per ora, stentano ad arrivare.

Facebook
Foto © AdobeStock

Un problema che sembra riguardare sempre più persone quello che stanno scontando gli utenti di Facebook. Niente condivisione e, quindi, niente interazione principe di quello che è il re dei social. O era, fate voi. Di punto in bianco e senza alcuna spiegazione apparente, Facebook darebbe difficoltà a molti utenti nella condivisione anche sui loro account. Anzi, in alcuni casi ci sarebbe persino un blocco dei contenuti e questo sta naturalmente mandando in tilt gli utenti. E, come detto, le spiegazioni per il momento stanno (quasi) a zero.

Un problema, se così si vuole chiamare, sembrerebbe riguardare proprio le condivisioni in sé. Nel senso che, secondo una voce circolante, Facebook starebbe bloccando i profili che ne hanno troppe. Forse un paradosso ma, per il momento, l’unica possibile spiegazione rispetto a nessun comunicato ufficiale. Si tratterebbe sostanzialmente di un cambio nell’algoritmo che avrebbe portato misure più restrittive sia per le pagine che per i profili privati.

LEGGI ANCHE >>> Facebook contro le fake news: bloccati i commenti

Facebook, il mistero del blocco delle condivisioni: la (possibile) spiegazione

Poco aiuto dalla pagina di supporto ufficiale, secondo la quale “le limitazioni si basano su elementi diversi, come la velocità e la quantità, ma non possiamo fornire ulteriori informazioni sui limiti in vigore”. In pratica, il problema c’è ma sembra non risolvibile, a meno che non si riducano improvvisamente le condivisioni. Come chiedere la luna in molti casi, specie se si è fra coloro che utilizzano il social come diffusione del proprio lavoro. In altri casi, invece, si chiederebbe agli utenti di ridurre l’abitudinarietà delle loro condivisioni. E qui si andrebbe a chiedere la luna e un altro pezzetto di spazio.

LEGGI ANCHE >>> Pagano Facebook per fregarci: “Da truffato a truffatore è davvero un attimo”

Tuttavia, sembra davvero l’unica soluzione per ovviare al problema. Anche perché non è chiaro se si tratti di una strategia di Facebook per migliorare il social o per limitare i contenuti ritenuti poco pertinenti. La piattaforma ha messo a disposizione una pagina di assistenza apposita, dove si potranno seguire alcune indicazioni. Quindi, qualora aveste riscontrato il problema, potrete seguire le direttive del social. Detto questo, una comunicazione migliore forse sarebbe servita. Questo tipo di sorprese non sembrano molto gradite…

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base