Difendere i risparmi di una vita dal pignoramento è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Pignoramento sul conto (Fonte foto: web)

Il Covid è entrato nelle nostre esistenze più di un anno fa, portando con sé delle conseguenze negative, sia per quanto riguarda le relazioni sociali che la gestione delle finanze personali. Molte attività, purtroppo, hanno dovuto abbassare le saracinesche, con molte famiglie che riscontrano delle serie difficoltà nel riuscire a far fronte alle varie spese. Ne è un esempio il fatto che circa 830 mila genitori hanno rinunciato a curare i figli, proprio per via della crisi in corso.

Se tutto questo non bastasse la macchina amministrativa non si ferma mai, con molti che temano di dover fare i conti con le conseguenze derivanti da alcuni debiti pregressi. Situazioni che coinvolgono, purtroppo, un gran numero di persone, che si chiedono pertanto se sia possibile o meno difendere i risparmi di una vita dal pignoramento. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle Entrate, raffica di controlli in arrivo: chi finisce nel mirino

Soldi, difendere i risparmi di una vita dal pignoramento è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Le cose, purtroppo, non vanno sempre come si desidera. Lo sanno bene i soggetti che vedono i risparmi di una vita in serio pericolo a causa di una procedura giudiziaria. Le cause civili, infatti, possono protrarsi per anni, rischiando in casi del genere di non poter disporre per anni del proprio denaro. Una situazione che coinvolge, in particolar modo, coloro che svolgono un’attività imprenditoriale o abbiano contratto debiti rilevanti. I soggetti fallibili e i “sovra – indebitati”, infatti, sono più a rischio di altri di dover fare i conti con il pignoramento.

Proprio in tale ambito interesserà sapere che esistono tre strumenti grazie ai quali poter tenere il proprio patrimonio al sicuro. Tra questi si annoverano:

  • Fondo patrimoniale. Si tratta di un istituto che offre la possibilità ai coniugi di  far rientrare una serie di beni, come immobili, titoli azionari o obbligazionari e titoli di credito, all’interno di un Fondo volto a soddisfare le esigenze patrimoniali della famiglia. Teoricamente è intaccabile, ma, in seguito ad una riforma del 2015, il livello di protezione risulta ridimensionato in caso di atto di precetto o pignoramento. Da non dimenticare, poi, che queste tipologie di fondi cessano in caso di decesso di uno dei coniugi o divorzio.
  • Trust. Permette di intestare ad una determinata società beni immobili e titoli mobiliari, riuscendo in questo modo a garantirne la protezione in caso di pignoramento. Si tratta, comunque, di un’operazione particolarmente costosa e non alla portata di tutti.
  • Polizza assicurativa. Per finire bisogna sapere che esistono delle polizze assicurative ad hoc, grazie alle quali poter proteggere i propri risparmi dal pignoramento. Si tratta di soluzioni assicurative in grado di coniugare un’attività d’investimento con le garanzie tipiche delle assicurazioni sulla vita.

LEGGI ANCHE >>> Partita Iva, dal codice ATECO al regime fiscale: tutto quello che c’è da sapere

Difendere il proprio patrimonio dal pignoramento, quindi, è possibile. Non bisogna fare altro che scegliere lo strumento più adatto alle proprie esigenze e il gioco è fatto.