Quanto è possibile versare sul nostro conto corrente. Esistono limiti? E se si, quali. Ecco cosa non sappiamo.

Vi siete mai chiesti se esiste un limite per i versamenti di denaro contante su conto corrente? Partiamo dalla considerazione che non tutti hanno, ovviamente le stesse esigenze. Il rapporto di un lavoratore dipendente con il proprio conto corrente è completamente diverso da quello, ad esempio di un libero professionista che per tipologia di lavoro e necessità quotidiane gestisce il tutto in maniera completamente diversa.

Un lavoratore dipendente o un pensionato, ritrovandosi mensilmente stipendio o pensione accreditati direttamente sul proprio conto corrente, non necessita di particolari movimenti di denaro, prenderà quello che gli occorre per le spese quotidiane ed il resto sarà li, come sorta di salvadanaio, in banca o alle poste. Ne caso opposto c’è un rapporto completamente diverso con la banca, nel senso che quotidianamente si potrebbe avere bisogno di effettuare versamenti.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente: chiusi i Bancomat, cosa cambia in banca da oggi

Conto corrente: attenzione ai controlli inattesi da parte dello Stato

A questo punto resta da comprendere se effettivamente può esistere un limite al denaro che si può versare sul proprio conto corrente. Il limite per comprendere al meglio la questione è tutto nella giustificazione che si ha di tale presenza di denaro. In pratica, quindi, se si è capaci di giustificare la presenza di una determinata somma di denaro in nostro possesso con la necessaria documentazione. Controlli fiscali potrebbero chiaramente determinare una non esatta provenienza per determinati versamenti, realisticamente parlando.

Bisogna stare attenti però ad una eventuale segnalazione all’Unità di informazione finanziaria (Uif), questo potrebbe avvenire se c’è il sospetto che si stia riciclando denaro magari proveniente da attività illecite. ll limite, quindi, è tutto li, nella possibilità di giusticare o meno le entrate che man mano caratterizzano il nostro conto corrente.

LEGGI ANCHE >>> Pignoramento soldi sul conto corrente: tre modi legali per evitarli

Importante, anzi, essenziale, dunque, avere sempre certificazione di provenienza del nostro denaro, solo cosi si potrà stare tranquilli e non rischiare complicazioni derivanti da eventuali controlli fiscali. Il rischio concreto è di fatto questo. Per tutto il resto, possiamo affermare tranquillamente che non esistono limiti al versamento di denaro sul proprio conto corrente. Si può possedere tutto il denaro che si vuole, chiaramente avendo la possibilità di poterne certificare la provenienza, per non incappare in accuse peri niene piacevoli e di facile risoluzione.