Appena un centesimo di irregolarità contributiva. Un errore nel Durc che nessuno sa spiegare ma che mette l’azienda in guai seri.

Centesimo durc Inps
Foto di Greg Montani da Pixabay

Documento unico di regolarità contributiva, meglio noto come Durc. Un dossier che occorre per dimostrare agli enti previdenziali che la propria impresa o il proprio lavoro autonomo sia in regola dal punto di vista contributivo. Ecco, per questo stesso documento, un’azienda rischia seriamente il crack, e per un problema che, almeno a occhio profano, sembra più un paradosso. L’impresa in questione, infatti, risulta in difetto per appena un centesimo di euro. Abbastanza, però, per negarle l’accesso a gare, bande, appalti e quant’altro. In sostanza, per impedirle quasi la sopravvivenza, anche per via delle difficoltà già incontrate con il Covid-19. Inoltre, il Durc negativo le impedirebbe anche l’accesso ai sistemi di incentivo.

A sentirla così, il problema sembrerebbe quasi non esistere. Invece, nonostante la somma estremamente esigua, un Durc negativo è sempre un cattivissimo affare. Inoltre, il problema è ancora più grosso, visto che l’azienda, così come stanno le cose, non potrà nemmeno regolare la propria posizione. Il sistema, infatti, non accetta pagamenti inferiori a 1,03 euro. Un paradosso nel vero senso del termine, fatto notare dal commercialista Natalino Algieri, che fa appello all’Inps tramite AdnKronos.

LEGGI ANCHE >>> Prestiti sospesi, il quadro del prossimo futuro: sale il rischio default per le imprese

Durc negativo, l’azienda a un passo dal crack

Il problema, come fatto notare dal commercialista, è che nessuno è in grado di dire o spiegare perché quel centesimo risulti non versato. Inoltre, il documento non precisa in quale modo l’irregolarità sia stata commessa né tantomeno come sanare il “debito” e pareggiare la cifra non dichiarata. Anche perché, nel Durc, non sono presenti né firme né altro di riconducibile all’impiegato che l’ha redatto. Questo rende di fatto impossibile correggere l’errore e regolarizzare la posizione contributiva. In sostanza, per un debito di un solo centesimo di euro, l’azienda rischia seriamente di cadere nel baratro.

LEGGI ANCHE >>> Imprese e famiglie: dopo l’emergenza torna la fiducia

Come detto, l’irregolarità nel Durc significa non poter accedere praticamente a nessuno strumento, né per sopravvivere né per lavorare. Come precisa il commercialista, “se l’Inps emette un durc negativo anche per un solo centesimo, dovrebbe sapere che lo Stato a questo punto mette ai margini l’impresa che neanche può accedere ai finanziamenti dalle banche“. L’unica soluzione, al momento, appare il ricorso. Ma a quel punto subentrerà il problema delle tempistiche. E l’attesa si potrebbe prolungare per chissà quanto.