Secondo un recente studio un prelievo allo sportello Bancomat costa molto di più rispetto alle banche online. Vediamo il raffronto nel dettaglio

Bancomat
Foto © AdobeStock

Il prelievo al bancomat sta diventando un lusso per soli ricchi. I costi dovuti alle spese di gestione sono diventati eccessivi rispetto a quelli delle banche online. Il denaro digitale costa di più di quello cash dato che la sua movimentazione richiede delle spese di gestione più alte.

Le statistiche incrociate emerse dai lavori di ricerca di SOStariffe.it e Bankitalia sugli Atm parlano chiaro. Ciò è dovuto anche al decremento di Atm sul territorio italiano. Si è passati dai 39.506 del 2019 ai 38.836 nel 2020 e per il 2021 il trend sembra essere ulteriormente in ribasso.

LEGGI ANCHE >>> 1500euro spariti in un attimo, il dramma vissuto mentre prelevava al bancomat

Bancomat: perché il prelievo allo sportello costa fino al 273% in più

Quindi in soldoni, un prelievo allo sportello può arrivare a costare addirittura fino al 273% in più. Tra le altre concause c’è il rapido aumento dei pagamenti elettronici e dell’e-commerce (fenomeni accentuati dall’avanzare della pandemia), che hanno comportato un aumento delle commissioni di prelievo sugli Atm.

Lo studio ha preso in esame i protocolli operativi di 26 differenti istituti di credito che sono stati comparati con le informazioni informatiche di carte di credito e di debito. Un raffronto che ha fatto emergere le differenze sui costi di prelievo di gestione delle carte tra i gruppi con prevalenza di filiali fisiche e quelli attivi soprattutto online.

LEGGI ANCHE >>> Stop ai prelievi bancomat, la mossa più saggia per dribblare le commissioni

Discorso identico per la detenzione di una carta di credito, con commissioni praticamente raddoppiate se paragonate a quelle delle banche online. Insomma, il formato digitale è ormai sempre più vicino ad offuscare quello contante.

Ad ogni modo se la nostra banca non ci mette a disposizione sportelli automatici è meglio limitare al minimo i prelievi. Basti pensare che prendere del contante da un’istituto differente costa 1,83 euro in più per le carte di debito, ovvero quelle più utilizzate.