Arrivano a luglio gli aumenti in busta paga: a chi spettano

Luglio, arrivano diversi aumenti in busta paga: ecco a chi spettano e per chi sarà possibile riceverli, non sono per tutti

Soldi bonus (Fonte foto: web)

Cos’è ed a chi spetta l’aumento in busta paga di luglio 2021. Da dire sin da subito che purtroppo non riguardano tutti i lavoratori, perché per avere questo aumento, bisogna poter rispettare determinati requisiti, un po’ come per tutti gli invecentivi, come il fondo casalinghe per esempio.

Ed allora, attenzione se fate parte di due categorie di lavoratori, perché a voi, potrebbe spettare la busta paga maggiorata in luglio. Ovvero, quelli che possono ottenere assegni familiari e rimborsi Irpef. A seguire, i dettagli.

Leggi anche>>> Tfr in anticipo, il vademecum del lavoratore: come e quando richiederlo

Ecco chi riceverà una busta paga più sostanziosa a luglio

Nella dichiarazione dei redditi del 2021, potremmo avere i rimborsi Irpef a spiccare, e quindi che riguardano deduzioni e detrazioni sulle spese sostenute nel 2020. Per quanto riguarda quest’anno, reso particolare dalla pandemia, il modello 730 che sia precompilato o classico, è presentabile fino a settembre del 2021.

Visto che per quest’anno quindi, il calendario è allungato, i momenti per ricevere l’accredito del rimborso Irpef, diventano molteplici. Quindi, per chi ha mandato la dichiarazione dei redditi entro il 31 maggio, il bonus arriva proprio a luglio, direttamente all’interno della busta paga, per i lavoratori dipendenti.

Leggi anche>>> Superbonus 110%: ultime novità per ristrutturare a costo zero

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ed invece andiamo al capitolo degli assegni familiari. A partire dal 1° luglio, in tanti dovranno presentare la nuova domanda, ma non è l’unica cosa da sapere. Infatti c’è una novità per chi percepisce l’ANF. Per loro, ecco subito un aumento di 37,50 euro a figlio, per le famiglie con uno o due figli. Aumento invece di 55 euro in più per figlio nei casi con tre o più figli. Anche qui, i lavoratori dipendenti, vedranno l’aumento direttamente sulla busta paga del mese interessato.