Un piccolo paesino immerso nella tranquillità del territorio abruzzese offre fino a 44 mila euro ai nuovi abitanti che vivranno e lavoreranno nel borgo.

santo-stefano-di-sessanio-1 (1)Siamo nel cuore dell’Abruzzo, circondati dalle verdi montagne e dalla quiete dei boschi. Qui c’è un piccolo paesino, un caratteristico borgo chiamato Santo Stefano di Sessanio. Uno scenario da fiaba sconosciuto fino a poco tempo fa ma che ora è sulla bocca di tutti, in Italia e all’estero. La spiegazione di questa improvvisa fama è semplice e risiede in una proposta che ha dell’incredibile.

Leggi anche >>> Acquistare casa per affittarla: cosa bisogna sapere per fare un buon affare

Soldi in cambio del trasferimento in un paesino incantevole

Santo Stefano di Sessanio paga chi si trasferisce e andrà a lavorare nel borgo. Il progetto ha preso vita circa un anno fa e consiste in un contributo a fondo perduto per tre anni erogato alle persone che decideranno di vivere nel paesino. Questo significa che, a fronte di una occupazione, sarà il comune a pagare tre anni di affitto totalmente o parzialmente.

In più, i nuovi residenti potranno usufruire di case con affitti simbolici per un certo periodo e di contributi per aprire un’attività. L’agevolazione può raggiungere i 22 mila euro, cifra adeguata per avviare l’apertura di piccole imprese. Sommando le altre sovvenzioni disponibili si arriverebbe all’importo di 44 mila euro destinati a chi si trasferisce per lavorare a Santo Stefano di Sessanio.

Leggi anche >>> Case a 1 euro, paese della Basilicata aderisce all’iniziativa: i dettagli

Altre iniziative da considerare, case a 1 euro

Unsplah

Ricevere soldi per un trasferimento non è l’unica iniziativa messa in atto per cercare di ripopolare un territorio. Negli ultimi anni sta spopolando l’idea di permettere l’acquisto di case con 1 euro in luoghi meravigliosi. Il progetto nasce con l’intento di allontanare l’abbandono da alcuni specifici territori e dare nuovo impulso alle zone in difficoltà.

I giovani non desiderano vivere in zone remote, lontani dalle comodità della città e di conseguenza tanti piccoli borghi e paesini rimangono abitati solamente da anziani. La sopravvivenza di questi contesti, alcuni dei quali dei gioiellini da tutelare, può essere garantita solo attirando un nuovo ripopolamento offrendo case ad 1 euro. Piano piano l’iniziativa sta prendendo piede e al momento attira soprattutto stranieri desiderosi di avere un angolo di pace in cui trascorrere le vacanze.