Controllare se abbiamo pagato la Tari, oppure se si è dimenticato qualche pagamento è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

Tari
Foto © AdobeStock

Il 2020 è, indubbiamente, uno di quegli anni che difficilmente riusciremo a dimenticare. Segnato dall’impatto del Covid, questo virus ha portato con sé delle ripercussioni negative sulle nostre esistenze, sia dal punto di vista sociale che economico. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, ci viene chiesto di prestare attenzione a vari accorgimenti, come ad esempio il distanziamento sociale o l’utilizzo delle mascherine. Se tutto questo non bastasse, molti imprenditori hanno dovuto chiudere le proprie attività. Sempre più persone, pertanto, si ritrovano a dover fare continuamente i conti in tasca prima di poter comprare qualcosa.

Affrontare le varie spese risulta sempre più difficile, tanto che circa 830 mila genitori hanno rinunciato a curare i figli a causa della crisi economica in corso. Alle prese con i vari impegni e spese quotidiane, inoltre, si può finire spesso per incorrere in qualche dimenticanza. Una situazione che può verificarsi molto più spesso di quello che si possa pensare, rischiando, in alcuni casi, di dover fare i conti con delle gravi conseguenze. Questo si verifica, soprattutto, se le dimenticanze riguardano le imposte. Proprio in questo ambito interesserà sapere che è possibile controllare, in qualsiasi momento, se, ad esempio, i pagamenti della Tari risultino in regola o meno. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Conto Corrente, occhio ai movimenti: quelli sui quali il Fisco non perdona

Tari, controllare i mancati pagamenti è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Controlli del Fisco (Fonte foto: web)

La TARI, acronimo di Tassa sui rifiuti, si presenta come un’imposta volta a finanziare i costi riguardanti il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Le tariffe, ricordiamo, possono risultare diverse in base al Comune di appartenenza. Stesso discorso, ovviamente, vale anche per le possibili esenzioni e riduzioni. In grado di incidere negativamente sul bilancio delle famiglie italiane, può capitare, in alcuni casi, di dimenticarsi di pagare tale imposta.

Proprio per questo motivo sono in molti a chiedersi se è possibile controllare i mancati pagamenti. Ebbene la risposta è affermativa. Per poter controllare, infatti, è possibile:

  • chiedere il proprio estratto debitorio presso l’ufficio tributi del Comune. A tal fine è sufficiente presentare il proprio documento di riconoscimento, il codice fiscale e i dati inerente l’immobile per cui si richiede la verifica. Alcuni Comuni, inoltre, dispongono di piattaforme web, grazie alle quali poter fare tranquillamente gli appositi controlli comodamente da casa.
  • sito dell’Agenzia delle Entrate. È sufficiente accedere al cassetto fiscale presente sul sito dell’ente per poter controllare gli eventuali mancati pagamenti.
  • Agenzia Riscossione. Proprio come per l’Agenzia delle Entrate, è possibile effettuare gli appositi controlli anche presso  l’Agenzia delle Entrate Riscossione. Quest’ultimo, ricordiamo, presenta solo i carichi iscritti a ruolo, ovvero le imposte non pagate e il cui recupero è stato affidato all’Agente della Riscossione.

LEGGI ANCHE >>> Banca, attenti ai debiti: la vostra auto è a rischio. Cosa può succedere

A questo punto abbiamo visto come controllare i mancati pagamenti della Tari. In caso di dubbio, quindi, non vi resta che seguire una delle strade appena proposte e verificare la propria situazione.