Acquistare online è ormai la nuova frontiera dello shopping. Bisogna però sempre mantenere alta la guardia per evitare furti e raggiri sulle proprie carte di credito

carte di credito
Fonte Pixabay

La lunga fase pandemica ha accentuato ancor di più il fenomeno degli acquisti sul web, che ormai hanno preso il sopravvento sui negozi fisici. Tra i motivi c’è naturalmente anche il risparmio che comporta la dimensione online.

Al tempo stesso nonostante queste dimensione vada ormai vada per la maggiore, tuttora sono piuttosto alte le possibilità di imbattersi in hacker spietati pronti ad impadronirsi dei dati della nostra carta. Dunque, vediamo quali sono i migliori consigli per cercare di evitare spiacevoli soprese.

LEGGI ANCHE >>> Carte di credito CartaSì: il problema è l’assistenza ai clienti

Carta di credito: i consigli per un utilizzo in massima sicurezza

In primis quando si effettua una transazione su Internet è bene verificare il saldo sul proprio conto nei giorni a seguire. Qualora si riscontrino addebiti non previsti è necessario segnarlo subito alla banca ed eventualmente procedere con il blocco della carta.

Se invece ci si imbatte in messaggi o email in cui ci vengono richiesti i nostri dati bancari significa che si è a rischio phishing. Nessuna banca infatti agisce in questo modo e chiede attraverso questi strumenti delle informazioni così strettamente personali. A rendere il tutto ancor più veritiero agli occhi delle vittime sono i siti praticamente identici a quelli ufficiali delle banche.

Per testare la veridicità del venditore può essere di grandissimo aiuto ricercarlo sui classici motori di ricerca per capire se realmente esiste. Qualora i risultati siano controversi probabilmente ci si trova al cospetto di un truffatore.

LEGGI ANCHE >>>> Le carte di credito che probabilmente non potrai mai avere

Il blocco della carta è e rimane di gran lunga la mossa principale e più efficace. Va fatto in tempi rapidi per evitare azioni continue da parte dei loschi individui. A quel punto la responsabilità passa alla banca che deve restituire le somme sottratte al cliente.