Un bimbo di soli 8 anni ha deciso di vendere un bene per lui prezioso. Il motivo per cui lo ha fatto ha scosso i cuori di molte persone. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

A partire da vecchi giocattoli, passando per delle vecchie monete, fino ad arrivare ai cimeli tramandati dai nonni, sono davvero tanti gli oggetti che conserviamo in casa e che ci permettono di ricordare alcuni dei momenti più belli della nostra esistenza. Molti di questi oggetti, nel corso degli anni, finiscono per essere buttati. Altri, invece, vengono conservati, quasi come se fossero dei tesori preziosi. Lo sanno bene i bambini, che molto spesso si affezionano ad alcuni giocattoli, che finiscono inevitabilmente per segnare la propria infanzia.

Molte volte, però, ci si ritrova a dover dire addio ai tanti amati giochi, così come successo al piccolo Bryson. A soli 8 anni, infatti, questo bambino ha deciso di vendere la propria collezione di carte Pokemon. Una decisione che gli ha permesso di racimolare un po’ di soldi per una causa davvero molto importante e in grado di scaldare i cuori. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Non saranno soldi, ma i cari vecchi Gettoni Telefonici valgono una fortuna!

Bimbo vende le sue carte Pokemon per curare il proprio cane

Carte Pokemon (Fonte foto: web)

I Pokémon hanno accompagnato l’infanzia di molti bambini. Non parliamo solo del cartone animato e dei videogiochi, ma anche dei fumetti e delle carte collezionabili da poter utilizzare per giocare con i propri amici. Proprio quest’ultime, in effetti, possono raggiungere in alcuni casi dei valori esorbitanti, permettendo ai fortunati possessori di guadagnare un bel po’ di soldi.

Lo sa bene Bryson Kliemann, un bimbo americano di 8 anni, che vive nella città di Lebanon, nel Virginia. Il piccolo, infatti, ha deciso di vendere la sua collezione di carte Pokémon per curare il suo cane Bruce, dopo aver contratto un grave virus. Per curare il suo amico a quattro zampe, ricordiamo, il veterinario ha chiesto 700 dollari. Una cifra che purtroppo la famiglia Kilemann non poteva sostenere. Da qui la decisione del bimbo di allestire un banchetto fuori casa e vendere la sua collezione di carte Pokémon.

Mentre sono a scuola ricevo un messaggio con una foto di Bryson e un cartello sul ciglio della strada che segnala la vendita di carte Pokémon“, ha raccontato la madre, Kimberly Woodruff, in un’intervista al portale Local 12. A quel punto la donna ha deciso di supportare il figlio tramite Go Fund Me, dando così il via una raccolta fondi per raggiungere 800 dollari. Una cifra largamente superata, tanto da arrivare ad ottenere ben 5 mila dollari. Questa somma di denaro verrà quindi utilizzata per garantire le cure al cane Bruce, ma non solo. I soldi restanti verranno utilizzati per trattamenti futuri per lui e gli altri animali del quartiere.

LEGGI ANCHE >>> Tutti pazzi per la moneta celebrativa: vale già un sacco di soldi

Una storia che scalda inevitabilmente i cuori, che si è conclusa nel migliore dei modi. Non solo il piccolo è riuscito a racimolare i soldi necessari per curare il suo migliore amico, ma ha anche ricevuto un bellissimo regalo. L’azienda The Pokémon Company, infatti, ha deciso di inviare al bambino un set di carte collezionabili rare, accompagnate dal seguente messaggio: “Ehi Bryson, siamo stati molto colpiti dalla storia della vendita delle carte per la guarigione del tuo cane, ecco alcune carte per aiutarti a sostituire quelle che hai venduto“.