Ecco il calendario con tutti i pagamenti delle prestazioni Inps relativo al mese di giugno 2021. Si parte con la Naspi e si finisce con le pensioni di luglio

Inps
Foto Web

Così come nei mesi precedenti, anche giugno sarà ricco di appuntamenti per coloro che devono ricevere delle prestazioni dall’Inps. Un calendario fitto e scaglionato che prevede diversi pagamenti sia per quanto concerne il Fisco sia per quanto riguarda la previdenza.

Scopriamo quali sono i trattamenti nello specifico e vediamo in quali date saranno erogati ad uno ad uno da parte dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Di questi fanno parte quelli classici come pensioni e disoccupazione, ma anche quelli relativi ai bonus istituiti negli ultimi anni.

LEGGI ANCHE >>> Cos’è NoiPa: dall’Inps un piccolo prestito per un grande aiuto

Inps, pagamenti mese di giugno: ecco tutte le date

Andando in ordine temporale, abbiamo la Naspi per coloro che sono in disoccupazione. La data designata per coloro che hanno perso il lavoro è il 10 giugno 2021. Per essere precisi, a partire dal giorno indicato, l’Inps erogherà gli assegni. I beneficiari però dovranno aspettare qualche giorno per poter riscuotere.

Nella medesima giornata spazio anche al bonus di 2.400 euro per i lavoratori stagionali (800 al mese per tre mesi) sia per chi lo ha già richiesto col precedente Decreto Sostegni, sia per chi ha presentato la domanda entro il 31 maggio 2021 (questi ultimi riceveranno l’accredito qualche giorno dopo).

Tanto per non farci mancare nulla, anche l’erogazione del bonus bebè o assegno di natalità è stato schedulato il 10 giugno 2021. Non è da escludere che possa slittare di una settimana. Ciò dipende da quando è stata presentata la domanda all’Inps con o senza dichiarazione ISEE.

RDC e REM

Spazio anche ad uno dei sussidi più attesi di questa delicata fase, ovvero il Reddito di Emergenza. Le mensilità di marzo, aprile e maggio arriveranno il 15 giugno 2021 per coloro che hanno presentato la domanda entro il 31 maggio 2021. In merito al REM è bene seguire gli sviluppi successivi visto che grazie al Decreto Sostegni bis è stato prorogato per altri due mesi. Può variare da 400 euro a 800 euro a seconda del numero dei componenti della famiglia e di eventuale presenza di soggetti disabili. 

Sulla stessa scia c’è il Reddito di Cittadinanza, che verrà elargito tra il 15 o il 27 giugno 2021. Il primo giorno è solitamente quello relativo ai nuovi richiedenti, che ritirano la carta direttamente presso gli uffici postali. Il 27 riguarda tutti gli altri beneficiari, ma essendo di domenica, l’accredito verrà posticipato al 28 giugno. 

LEGGI ANCHE >>> L’Inps parla con i morti: scrive lettere e li invita a recarsi in ufficio

Pagamento Pensioni

Dulcis in fundo, ecco le pensioni di luglio. L’anticipo di qualche giorno è ormai un classico. Si parte dal 25 giugno 2021 solo per coloro che ritirano presso lo sportello postale. Si dovrà però rispettare l’ordine alfabetico specificato direttamente sul sito dell’Inps.