Bonus elettrodomestici 2021: l’elenco dei prodotti oggetto di sconto

Il bonus elettrodomestici 2021 è entrato a far parte del bonus mobili 2021. Nel dettaglio, ecco come funziona e cosa consente di poter acquistare

bonus elettrodomestici
Fonte Pixabay

Un nuovo incentivo ha ormai fatto capolino nell’infinito panorama dei sussidi elargiti dal Governo per far fronte alla lunga fase pandemica. Si tratta del “Bonus Elettrodomestici 2021”, che di fatto è l’altra faccia della medaglia del “Bonus Mobili 2021”.

Consente di portare in detrazione al 50% attraverso la dichiarazione dei redditi (si recupera in 10 quote annuali di pari importo fino ad un massimo di 16mila euro per ogni unità immobiliare) le spese per l’acquisto di alcuni elettrodomestici connessi con i lavori di ristrutturazione o manutenzione di una casa o appartamento.

LEGGI ANCHE >>> Bonus imprese, mobili e elettrodomestici: arriva lo stop alla cessione del credito

Bonus elettrodomestici: come funziona e cosa si può acquistare

In sostanza per accedere alla misura è fondamentale che vengano eseguiti i seguenti lavori:

  • ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi,
  • lavori di manutenzione straordinaria, ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo.

Il tutto è valido solo ed esclusivamente se i pagamenti dei lavori sopracitati vengono eseguiti con mezzi tracciabili (carta o bonifico). A questo va aggiunta la comunicazione all’Agenzia per l’Energia entro 90 giorni dal termine della ristrutturazione.

Per quanto concerne gli elettrodomestici che si possono acquistare godendo della detrazione al 50%, ecco quali sono nello specifico:

  • frigoriferi e congelatori,
  • lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, 
  • lavastoviglie, 
  • forni e apparecchi di cottura elettrici e microonde, 
  • apparecchi di condizionamento, tra cui anche ventilatori elettrici.

LEGGI ANCHE >>> Bonus sociale, l’aiuto per pagare le bollette partirà da questa data

Oltre alla tipologia di prodotti bisogna badare anche alla tenuta. Infatti devono essere nuovi e devono avere una classe energetica quanto meno A+. Le uniche eccezioni riguardano i forni e le lavasciuga che possono anche essere di categoria A. Particolari a cui prestare la massima attenzione onde evitare di perdere questa ghiotta opportunità.