Brutte notizie per molti proprietari di casa che si ritrovano a dover fare i conti con il pagamento dell’acconto Imu 2021, pur non potendo disporre del proprio immobile a causa del blocco degli sfratti. 

Imu

Il coronavirus è entrato prepotentemente nelle nostre vite, portando con sé delle ripercussioni negative sia per quanto concerne l’aspetto economico che sociale. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, l’esecutivo ha deciso di adottare una serie di misure restrittive, come ad esempio il coprifuoco e la chiusura di diverse attività. Un contesto storico particolarmente complicato, che costringe molte famiglie a dover fare i conti con una grave crisi finanziaria. Molte, purtroppo, sono le persone che riscontrano ad esempio delle serie difficoltà nel riuscire a pagare i canoni di affitto.

Una situazione che finisce per avere delle ripercussioni negative anche sui proprietari di casa, che a loro volta si ritrovano a dover fare i conti con delle minori entrate. Se tutto questo non bastasse, rientrare in possesso del proprio immobile risulta sempre più difficile, con i proprietari di casa che spesso subiscono oltre al danno, la beffa. Oltre al blocco degli sfratti, e al mancato incasso dei canoni di affitto, infatti, ci si ritrova a dover fare i conti con il pagamento dell’Imu, che finisce inevitabilmente per incidere ulteriormente sulle tasche dei proprietari di casa. Una vera e propria tegola, che non può passare di certo inosservata.

LEGGI ANCHE >>> Inps, attenti alle lettere sul ricalcolo delle pensioni: come difendersi

Imu e blocco degli sfratti, occhio alla beffa: tutto quello che c’è da sapere

In seguito all’impatto del coronavirus, il precedente esecutivo guidato da Giuseppe Conte, ha deciso di introdurre il blocco degli sfratti. Una misura tuttora in vigore, volta ad offrire un aiuto alle famiglie e alle imprese che riscontrano delle difficoltà nel pagamento del canone di affitto a causa della crisi in corso. Dall’altro canto sono in molti a sottolineare come tale decisione si riveli essere una grossa tegola per i proprietari di casa.

Quest’ultimi, infatti, si ritrovano ormai da mesi a dover fare i conti con delle minori entrate e a non poter entrare in possesso del proprio immobile. Se tutto questo non bastasse, entro il 16 giugno dovranno pagare la prima rata dell’Imu. Una vera e propria beffa, con la Lega che ha annunciato di essere al lavoro per elaborare un emendamento che consenta di esentarli dal pagamento. Fratelli d’Italia, a sua volta, starebbe pensando di presentare un’interrogazione parlamentare urgente al ministro dell’Economia Daniele Franco.

LEGGI ANCHE >>> Superbonus 110%, l’Erario chiede soldi indietro: quali persone dovranno restituirlo

Come affermato dal senatore di FdI Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze, infatti: “Il governo deve intervenire immediatamente e porre fine a questa ingiustizia, che penalizza soprattutto i proprietari immobiliari, cioè spesso quei risparmiatori che hanno lavorato una vita per garantirsi un minimo di agio e benessere, e che lo Stato, non solo non è in grado di tutelarne i diritti reddituali, ma addirittura li colpisce con un’ingiusta tassazione patrimoniale“. Al momento, comunque, si tratta solo di proposte. Non resta quindi che attendere e scoprire quali decisioni prenderà eventualmente il governo in merito.