WhatsApp è lo strumento di comunicazione preferito da milioni di italiani ma possiamo essere certi che le nostre conversazioni siano al sicuro?

Unsplash

L’utilizzo di WhatsApp è entrato a far parte della vita quotidiana di tante persone. Le conversazioni con gli amici e i familiari sono, naturalmente, le più frequenti ma, ultimamente, l’applicazione viene usata anche per messaggiare con colleghi di lavoro, medici o altri professionisti. Capiamo, dunque, che gli scambi di informazioni possono riguardare dettagli privati che dovrebbero rimanere tali, lontani da occhi indiscreti. Eppure può capitare di essere spiati su WhatsApp a nostra insaputa. Questa affermazione può sconvolgere ma è bene sapere che c’è un modo per scoprire se qualcuno ci spia.

LEGGI ANCHE >>> Non c’è pace per Whatsapp: nuova truffa in circolazione sulla chat

Come difenderci dalla spie su WhatsApp

Sebbene la maggior parte delle conversazioni su WhatsApp siano di carattere frivolo, può capitare che vengano scambiati messaggi contenenti informazioni strettamente personali. Siamo portati a pensare che tali informazioni siano condivise solamente con il destinatario della chat, purtroppo potrebbe non essere così. Ebbene sì, le spie non sono protagoniste solo di film e libri ma si nascondono in una semplice applicazione che si utilizza quotidianamente. Fortunatamente, un modo di difenderci da questi occhi indiscreti esiste ed è piuttosto rapido.

Innanzitutto occorre capire come è possibile che le nostre chat possano essere in possesso di altre persone. Se vi è capitato di accedere a WhatsApp Web tramite dispositivi diversi dal vostro smartphone e soprattutto appartenenti ad altre persone, è molto probabile che le conversazioni possano essere spiate. Per controllare la presenza di utenti che leggono i messaggi a nostra insaputa basterà aprire l’applicazione ed entrare nelle impostazioni. In questa sezione occorrerà cercare la voce “WhatsApp Web”, cliccarci sopra e visualizzare la lista che apparirà sullo schermo. Parliamo dell’elenco di tutti i dispositivi a cui siamo collegati nel momento stesso della verifica e a cui siamo stati collegati in passato.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp ringrazia i fedelissimi e regala un trucco rivoluzionario

In più, si potrà controllare la data e l’orario dell’ultimo accesso scoprendo, così, quando il nostro account è stato usato per accedere all’app l’ultima volta. Se non corrisponderà ad una nostra azione, scopriremo che qualcun altro legge le conversazioni di WhatsApp.