Findomestic Banca è una solida e conosciuta realtà del settore del credito al consumo. Facente parte del colosso BNP Paribas, offre la carta di credito ‘Nova’, flessibile ed adatta a tutte le esigenze dei clienti. Le opinioni dei clienti.

Arriva la novità che aspettavano i titolari di carte di credito
Carte di credito: (Fonte foto: Pixabay)

Findomestic Banca, nata nell’ormai lontano 1984, è una realtà del mondo finanziario assai pubblicizzata in televisione e non solo. Tratto distintivo dell’offerta della banca è la carta di credito ‘Nova’ di Findomestic, che presenta indubbiamente caratteristiche vantaggiose ma che, al contempo, non ha soddisfatto tutte le aspettative dei clienti che l’hanno scelta. Ecco tutti i dettagli a riguardo.

Carta di credito ‘Nova’ Findomestic: le caratteristiche principali

Concentriamoci dunque sugli aspetti essenziali della carta di pagamento in questione. Cosa ricordare della carta di credito ‘Nova’ di Findomestic? Ebbene, come confermato nel sito web ufficiale, la carta di credito Findomestic si caratterizza anzitutto per essere una carta di credito che prevede assieme le funzionalità di due carte distinte:

  • carta revolving: consente al titolare di poter contare sempre su una somma di denaro a disposizione;
  • carta tradizionale: allo scopo di pagare gli acquisti via web, o nei negozi fisici. Ma è utile anche per prelievi contanti all’ATM, ossia lo sportello automatico della banca.

Come ricordato dalla stessa banca nel suo sito ufficiale, la carta di credito Findomestic concede un fido che decresce ogni volta che l’utente la utilizza;  ma che al contempo si ricarica in via automatica, tramite il meccanismo dei rimborsi mensili.

Tra i servizi connessi alla carta, il pagamento bollettini; le ricariche telefoniche; e le notifiche SMS per controllare i movimenti della carta.

Il cliente sceglie liberamente le modalità di rimborso desiderate

Il mondo delle carte di credito degli ultimi anni ci ha abituato ad offerte sempre più varie e flessibili da parte degli istituti, per cercare di accaparrarsi il maggior numero di nuovi clienti. E Findomestic Banca non fa eccezione: infatti, con la carta di credito ‘Nova’ Findomestic, il cliente può in piena libertà scegliere la modalità di rimborso voluta:

  • in rate ogni mese, comode e personalizzate, che possono essere regolate in base alle proprie necessità. Nei negozi fisici o agli sportelli ATM occorre selezionare l’opzione “Scelta Credito”. Per i pagamenti via web occorre invece digitare il numero di carta sul fronte della plastica e il codice CVC2/CVV2 indicato sul retro vicino al pannello firma;
  • in una soluzione unica mensile senza alcun interesse. Pertanto, nei negozi fisici o agli sportelli ATM è necessario scegliere l’opzione “Fine Mese”. Invece, per i pagamenti vi web va digitato il numero di carta indicato sul retro della plastica e il codice CVC2/CVV2 “Fine Mese” ad esso collegato.

Sempre nell’ottica della massima flessibilità, va letta la regola per la quale entro tre giorni dall’utilizzo della carta di credito Findomestic, il possessore può optare per il pagamento con rate fisse, brevi e costanti, in 3,6,9 o 12 mesi. Il cliente può scegliere in autonomia nella propria Area Clienti/Carte di Credit sezione ‘La tua Prossima Rata’ , attraverso l’App Findomestic oppure dal sito ufficiale (home-banking).

Non solo: è possibile rimborsare le rate dei propri acquisti in negozi fisici o negli store online, attraverso l’addebito diretto mensile sul c/c. Mentre la lista movimenti sarà sempre visualizzabile nell’area Clienti Findomestic.

Possibilità di anticipo contanti grazie a Findomestic

L’offerta collegata alla carta di credito ‘Nova’ Findomestic Banca non è finita qui. Infatti, il titolare può sfruttare la carta di credito Findomestic per ottenere l’anticipo di una somma di denaro in contanti. L’iter è rapido: occorre indicare il proprio codice fiscale e il numero della propria carta. Anzi – come segnalato dalla stessa banca Findomestic nel suo sito web ufficiale – l’operazione può completarsi in tempo reale, senza dover aspettare i cinque  giorni lavorativi, per l’accredito del bonifico su altre banche.

L’interessato può ottenere liquidità in qualsiasi momento, ma sempre nell’ambito dei limiti di importo disponibile per la propria linea di credito. I contanti arriveranno a destinazione via bonifico o con un assegno inviato al proprio indirizzo di residenza.

L’anticipo contanti può avvenire seguendo una delle due modalità:

  • direttamente via web nell’Area Clienti dal sito o dalla app dedicata nella sezione Carte di Credito;
  • per telefono al numero 800 866 116

Sarà possibile controllare tutte le operazioni, i rimborsi e i dettagli d’uso della carta di credito Findomestic, nell’Area Clienti, sezione Carte di Credito.

La carta di credito Findomestic permette altresì sconti riservati e di partecipare al Programma Fedeltà, denominato Findomestic Club, con premi per i clienti, in caso di acquisti in negozi fisici o via web.

Carta di credito ‘Nova’ Findomestic: il riepilogo costi

A questo punto, molti potrebbero chiedersi qual è il quadro costi, in sintesi. Ebbene, carta di credito ‘Nova’ di Findomestic Banca consente al cliente di avere sempre una somma di denaro a disposizione, fino a un tetto di 3.000 Euro, rimborsabile – come detto sopra – a rate o a saldo mensile.

La Carta di Credito in questione è emessa in forma gratuita, ha una quota associativa annuale anch’essa esente da spese; e non comporta spese per i prelievi contanti all’ATM. Non solo: chi la sceglie, deve sapere che non sarà obbligato a sostenere spese per l’incasso delle rate di rimborso; e neanche per le richieste di bonifico o di assegno.

Il costo per la tenuta del conto corrisponde a 3,99 Euro al mese, versati soltanto nei mesi in cui vi sono rimborsi in corso. Ecco dunque un riepilogo di sintesi:

  • Il TAN è fisso al 15,36% e il TAEG al 21,42%;
  • L’imposta di bollo su ogni estratto conto è di 2 Euro;
  • Importo totale del credito (massimale): 3.000 euro;
  • Quota associativa annuale: zero euro;
  • Spese richiesta Bonifico/Assegno: zero euro;
  • Spese di rilascio nuova carta: zero euro;
  • Spese prelievo presso ATM: zero euro;
  • Imposta di bollo su ogni estratto conto € 2,00;
  • Spese di incasso rata: zero euro;
  • Spese tenuta conto € 3,99 mensili (nei mesi dei rimborsi in essere).

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito Compass Easy, le opinioni degli utenti si dividono.

Carta di credito ‘Nova’ di Findomestic: le opinioni di chi l’ha provata

A questo punto, focalizziamoci sui pareri dei clienti che hanno optato per carta di credito ‘Nova’ di Findomestic Banca, in modo da orientare il cliente verso la migliore scelta per le proprie esigenze.

Le recensioni positive di carta di credito ‘Nova’

In relazione all’offerta carta ‘Nova’ della società Findomestic, i pareri positivi si sono focalizzati sulla possibilità dell’anticipo contanti e, in particolare, sull’accredito immediato dell’anticipo, se il cliente ha attivo un conto presso la stessa banca.

Altri utenti complessivamente soddisfatti hanno fatto notare la possibilità di scegliere tra più opzioni di rimborso con rate fino a 12 mesi: ciò costituisce un fattore di flessibilità che va a favore della carta di credito Findomestic.

Anche sul piano dell’assistenza al cliente che sceglie questo prodotto, la gestione è ampiamente assicurata via web, con app, assistenza telefonica (customer care) e agenzie sparse sul territorio.

C’è anche chi ha rilevato che, nel complesso, i costi sono piuttosto esigui: infatti, carta Nova è interamente gratuita per quanto riguarda il canone annuo e la quota di emissione. Inoltre, ha diverse soluzioni personalizzabili in base delle esigenze ed è adatta a chi non compie pagamenti di frequente.

Le recensioni negative di carta di credito ‘Nova’

In verità, ci sono anche molti scontenti di carta di credito ‘Nova’ di Findomestic. Infatti c’è chi ha criticato i costi eccessivi, con l’onere rappresentato da interessi alti. Ciò d’altronde vale per le carte revolving — che danno una linea di credito e consentono la restituzione a rate. In altre parole, c’è chi ha puntato il dito contro il rischio concreto che dette carte facciano restare vincolati a un debito ‘a tempo inderminato’, con interessi molto alti da versare praticamente per sempre.

Sempre sul piano dei costi, altri clienti hanno notato che vi sono costi non bassi per l’utilizzo all’estero e non solo: c’è chi ha criticato la regola dei costi mensili dovuti finché ci sono rimborsi in atto. 

Ancora, critiche riguardo al plafond (3.000 euro), ritenuto troppo basso da non pochi clienti e infine il requisito del reddito dimostrabile non ha affatto convinto alcuni clienti, che dunque orienterebbero altrove la loro scelta.