Importanti novità in arrivo per tutti coloro alle prese con debiti pregressi con il Fisco. Grazie ad decreto Sostegni Bis, infatti, si dovrebbe assistere all’ennesima proroga. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Cartelle esattoriali emendamenti
Foto: Web

Gli ultimi mesi sono stati segnati dal Coronavirus, che è entrato prepotentemente nelle nostre vite, portando con sé delle ripercussioni negative sia dal punto di vista economico che sociale. Al fine di limitarne la diffusione, infatti, ci siamo ritrovati a dover cambiare molte nostre abitudini a causa delle varie restrizioni. Ad aggravare la situazione la chiusura di molte attività, che costringe molte famiglie a dover fare i conti sempre in tasca prima di poter comprare qualcosa. Tante purtroppo, sono le imprese e i professionisti che continuano a registrare un drastico calo del fatturato.

Il governo è così chiamato ad introdurre delle misure ad hoc, al fine di aiutare le persone maggiormente colpite dalla situazione. In tale ambito si inseriscono le novità che verranno introdotte con il Decreto Sostegni Bis, tra cui una possibile nuova proroga dello stop delle cartelle esattoriali. Ma non solo, stando alle ultime indiscrezioni, sembra che l’esecutivo stia anche pensando ad un piano di rateizzazione fino a 10 anni, per permettere ai contribuenti in difficoltà di saldare i propri debiti con il Fisco. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali sono le ultime informazioni in merito.

LEGGI ANCHE >>> Turismo in ginocchio, il paradosso italiano: spostamenti tra regioni vietati, ma all’estero….

Cartelle esattoriali, in arrivo nuova proroga fino al 30 giugno

cartelle-esattoriali

Il governo è al lavoro per approvare le misure che verranno introdotte con il Decreto Sostegni Bis. Tra queste, in base alle ultime indiscrezioni, sembra che l’esecutivo a guida Draghi stia pensando di prorogare il blocco dell’attività di riscossione da parte dell’Agenzia delle Entrate dal 31 maggio al 30 giugno.

Ma non solo, grazie al decreto Sostegni Bis potrebbe essere offerta la possibilità di optare per un piano di rateizzazione dei pagamenti da un minimo di 6 fino ad un massimo di dieci anni. Una soluzione, quest’ultima, che dovrebbe essere rivolta in particolar modo alle Partite Iva alle prese con una grave crisi economica.

LEGGI ANCHE >>> Conto Corrente, occhio ai movimenti: quelli sui quali il Fisco non perdona

Come già detto, comunque, al momento si tratta solamente di indiscrezioni. Non resta quindi che attendere l’approvazione del Decreto Sostegni Bis, per vedere quali saranno le effettive decisioni prese in merito dall’esecutivo a guida Draghi.