Brutte notizie per molti automobilisti che a breve potrebbero ritrovarsi a dover mettere mano al portafoglio. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Bollo auto
car model,calculator and coins on white table

A partire dall’alimentazione fino ad arrivare alle bollette, sono davvero tante le volte che ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. A tal proposito, tra le voci che vanno ad incidere maggiormente sul budget famigliare, si annoverano senz’ombra di dubbio quelle riguardanti l’automobile, come ad esempio l’assicurazione, i costi di manutenzione e il carburante. Oltre ai costi appena citati, bisogna fare i conti con il pagamento del bollo auto, meglio conosciuto con il nome di tassa automobilistica.

Come noto deve essere pagata da tutti coloro in possesso di un veicolo, con la gestione dei pagamenti che risulta a carico di ogni Regione. Allo stesso tempo vi sono alcuni casi in cui è possibile essere esonerati dal pagamento di tale tassa, mentre altri si ritrovano a dover fare i conti con una brutta sorpresa. In base a quanto si evince da una recente sentenza della Corte di Cassazione, infatti, sono molti coloro che potrebbero ritrovarsi a breve a dover mettere mano al portafoglio. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere.

LEGGI ANCHE >>> Inps, in arrivo contributi per soggiorni estivi: cosa c’è da sapere

Bollo auto, la sentenza che cambia tutto: la decisione della Corte di Cassazione

Truffa bollo auto
(Fonte foto: web)

Tassa che deve essere pagata da tutti coloro che sono in possesso di un veicolo, sono in molti a chiedersi se il bollo auto debba essere o meno pagato in caso di fermo del mezzo da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Proprio in questo ambito bisogna innanzitutto fare una distinzione tra fermo amministrativo e quello fiscale. Il primo è disposto dall’autorità amministrativa o giudiziaria come sanzione in caso di gravi violazioni del Codice della strada. Per quanto concerne il fermo fiscale, invece, si presenta come una misura cautelare che può essere imposta dall’Agente di Riscossione in seguito al mancato pagamento della cartella esattoriale.

Ebbene, stando a quanto si evince da due sentenze della Corte Costituzionale, in caso di fermo:

  • amministrativo, data l’indisponibilità del veicolo conseguente a provvedimento dell’autorità giudiziaria o della pubblica amministrazione, vi è l’esenzione del bollo auto;
  • fiscale, bisogna pagare la tassa automobilistica, così come stabilito nella sentenza n. 47/2017 della Corte Costituzionale, il cui orientamento è stato poi espresso anche nell’ordinanza n. 192/2018.

LEGGI ANCHE >>> Conto Corrente, occhio ai movimenti: quelli sui quali il Fisco non perdona

Come evidenziato dalle Commissioni Tributarie provinciali di Firenze e Bologna, infatti, il fermo fiscale non ha effetti ai fini dell’interruzione e sospensione dell’obbligo relativo al versamento del bollo auto, proprio per questo motivo bisogna procedere con il relativo pagamento.