Cosa sono i versamenti volontari ed in che modo possono portare ad una pensione anticipata: il loro valore.

Pensioni esodati
Foto: Web

Cosa sono e perché ricorrere ai versamenti volontari per andare prima in pensione. Questi, possono rappresentare una strada intelligente per chi ad esempio, dovesse arrivare senza lavoro ad una certa età e con la difficoltà che si fa a trovarne uno, pensa che l’unica strada sia una pensione anticipata.

Ci sono diversi mezzi per tentare di non aspettare l’età pensionabile senza altre soluzioni, ad esempio l’Inps accetta il calcolo del part time verticale per i contributi versati negli anni. Anche perché in fondo, andare in pensione prima non è solo una cosa che va a nostro vantaggio, ma crea di conseguenza nuovi posti di lavoro e quindi è tutto il movimento a giovarne. Andiamo sui versamenti volontari.

Leggi anche>>> Quota 100 va… in pensione: il governo sterza verso Quota 41

Contributi volontari: convengono sempre?

La convenienza o meno del versamento di tali contributi, varia di caso in caso ed è quindi soggettiva. Essi sono costituiti da una quota versata spontaneamente dal lavoratore per i suoi periodi di inoperosità. I versamenti, che hanno cadenza trimestrale, possono però risultare anche abbastanza cospicui, e specie se non si ha uno stipendio abbastanza sostanzioso, finirebbero per intaccare anche i risparmi del dipendente che ne va a fare uso.

Come detto, ci sono comunque diversi motivi per cui è facile ritenere che possiamo compiere diverse mosse per provare a prendere l’uscita della pensione in anticipo. Un altro esempio è quello dei 15 anni di contributi. Sembrano pochi, ma è possibilissimo. Tornando alla contribuzione volontaria, quest’ultima può anche coprire i periodi non contribuiti o contribuiti con parzialità per esempio a causa di un orario ridotto.

Leggi anche>>> Arrivano i tagli alle pensioni: ecco chi vedrà decurtato il proprio importo

Come funzionano i tempi: i versamenti volontari hanno validità per il periodo successivo la presentazione della domanda, che per il semestre precedente. L’autorizzazione resta valida poi anche in caso di interruzione di pagamento e ripresa di questo in un secondo momento. Comunque, il lavoratore è autorizzato, fino al raggiungimento della quota per la pensione, a protrarre i contributi volontari.