La sicurezza è al centro dell’attenzione del Gruppo bancario, ma in verità anche queste carte di credito non sono esenti da punti deboli. Ecco quali sono.

Banca, petizione
Foto: Web

Il Banco di Credito Cooperativo – o BCC – è una realtà profondamente radicata nella nostra società. Con essa, si intende un particolare tipo di banca previsto dalla legge italiana. La peculiarità delle banche di credito cooperativo sta nel rientrare nella forma giuridica delle società cooperative, mutualistiche e locali, formate da soci che sono espressione diretta delle comunità locali che rappresentano.

Tra i prodotti offerti, vi sono le carte di credito BCC, personali e presenti principalmente in tre varianti. Esse sono adatte allo shopping anche sul web, e sono caratterizzate di una serie di servizi variabili in base alla tipologia di carta scelta. Com’è tipico delle carte di pagamento, al momento dell’acquisto, sarà necessario inserire il codice segreto oppure apporre la firma sulla ricevuta.

Cerchiamo di capire di seguito come funziona la carta di credito BCC e diamo un’occhiata a chi ha le già usate: si è trovato bene o non rifarebbe la scelta? Scopriamolo.

Carta di credito BCC: ecco tutte le informazioni utili

CartaBCC è un marchio incluso nel gruppo Iccrea Banca, Istituto Centrale della Banche di Credito Cooperativo. Detto gruppo bancario svolge attività nell’ambito dei servizi di emissione delle carte di pagamento; dei pagamenti che avvengono attraverso di esse e della gestione dei POS e degli ATM.

Certamente, scegliere una carta di credito BCC significa optare per una struttura bancaria con fondamenta molto solide dal punto di vista finanziario. Ecco perchè le carte di credito emesse da CartaBCC sono sempre più diffuse e utilizzate in tutta la penisola.

I tre prodotti offerti da BCC sono le carte di credito Classica, Gold e Ventis. Vediamole da vicino.

LEGGI ANCHE >>> Carta Paypal, perchè è così diffusa? Le opinioni di chi l’ha provata e le critiche.

Carta di credito BCC Classica: come funziona?

In tema di carta di credito BCC, la tipologia base è la versione ‘Classica’ della carta, utilizzabile per acquisti sia sui siti web, che nei negozi fisici, servendosi della tecnologia contactless.

Scegliendo questa carta di pagamento, il titolare potrà sfruttare i servizi BCC Club, vale a dire un network di esercenti differenti attività, che offrono sconti speciali, associati all’uso della Carta di credito Classic BCC. Ci riferiamo a strutture ricettive, bar, ristoranti, alberghi e attività commerciali di vario ambito.

Altra rilevante peculiarità della carta di credito BCC Classic attiene alla cd. garanzia estensiva inerente gli acquisti effettuati adoperando la carta. Essa dilata l’estensione classica di 2 anni fino a 3: si tratta di un bel vantaggio, correlato al tipo di acquisto compiuto. Inoltre inclusi nell’offerta carta di Credito BCC Classic vi sono:

  • Addebito posticipato: i pagamenti delle spese compiute con carta sono posticipati di 48 giorni;
  • possibilità di addebito rateale, vale a dire la possibilità di compiere il pagamento rateale delle spese;
  • possibilità dell’anticipo di denaro presso POS o SEPA, fino a 300 euro;
  • Ventis, ossia la presenza di un portale e-commerce esclusivo per i possessori di carta BCC.

Come appena accennato, stessa carta di credito BCC, proprio come prodotti finanziari simili, permette un anticipo di denaro contante, con il rimborso che si verifica in un secondo momento, generalmente entro il mese successivo.

Costi della carta BCC Classica: ecco quali sono

Ovviamente, a controbilanciare i servizi offerti da BCC, vi sono i costi connessi al possesso ed utilizzo della carta di credito BCC Classica. Eccoli in sintesi:

  • canone annuale pari a 52 euro;
  • 30 euro in ipotesi di richiesta di sostituzione della carta;
  • fido massimo pari a 10.000 euro;
  • spese di spedizione per il rinnovo della carta: 6,05 euro;
  • costo della sostituzione CartaBcc Classic: 30 euro;
  • commissione per rifornimento carburante: 0,77 euro ad operazione;
  • spese di emissione dell’estratto conto mensile: 1,55 euro se cartacea, gratis via web;
  • imposta di bollo sull’estratto conto, se superiore a 77,47 euro: 2 euro.

Invece, servizi come ad esempio gli SMS Alert; commissioni di pagamenti (in zona euro o extra euro), e l’eventuale blocco o sblocco della carta sono a costo zero.

Il suo utilizzo, come per tutte le altre carte di credito presenti sul mercato, necessita dell’utilizzo del codice PIN segreto e/o la firma della ricevuta relativa all’uso della carta.

Per proteggere gli eventuali usi fraudolenti della stessa inoltre, è possibile avvalersi del servizio SMS Alert, in grado di avvertire il titolare tramite messaggio telefonico quando è effettuata una transazione.

Carta di credito Gold BCC: come funziona? I costi

Per quanto riguarda la versione ‘superiore’ della carta di credito, abbiamo gli stessi servizi della carta base, ma sono innalzati i limiti di spesa. Infatti, per fare un esempio, al titolare è consentito ritirare sino a 600 euro al giorno; vale a dire il doppio rispetto al prodotto base. Inoltre, ha un fido massimo più elevato.

In estrema sintesi, detta carta di credito permette un margine maggiore di operatività al possessore, in quanto i plafond sono maggiori; ma ovviamente, ciò è controbilanciato dai costi più alti. Infatti il canone annuo è pari a 150 euro ed identico ammontare è previsto per il rinnovo. Ma superando un certo tetto di spesa indicato da BCC, ambo le somme sono azzerate.

Attenzione anche alle spese supplementari, giacchè la sostituzione della carta costa 150 euro, controbilanciato però da un fido fino a 50.000, molto superiore al prodotto base. Invece, le commissioni e costi per altri servizi sono quelli del prodotto base.

Carta Ventis BCC: come funziona?

L’ampia offerta di BCC prevede anche la cd. carta Ventis, ossia un particolare prodotto, rivolto specificamente a coloro che prediligono gli acquisti online, riservando loro condizioni particolarmente vantaggiose. Non a caso, prevede uno sconto del 70% per gli acquisti sul portale Ventis.it; un bonus di 60 euro di benvenuto per i nuovi clienti, utilizzabile dove si vuole. E non è finita qui: si può ottenere anche un 5% di cashback a fine mese , collegato però soltanto agli acquisiti effettuati sul sito Ventis.it.

Insomma, si tratta di una carta rivolta a chi ama i cd. ‘flash sales‘, ossia la vendita di beni o servizi online a tempo. In dette circostanze, i prodotti/servizi sono disponibili per un massimo di due o tre giorni, a prezzi assai competitivi e riservati agli iscritti del portale in questione.

Non solo. Nell’offerta carta di credito BCC Ventis sussistono anche speciali sconti che sono resi noti per email; ed anche il servizio Acquisto Facile, che permette di riavere il 100% della spesa se il prodotto acquistato non è pari alle aspettative. Circa l’argomento costi, le commissioni comportano le stesse spese dei prodotti già visti. Le sole differenze sono quelle che seguono:

  • canone e rinnovo: 60 euro;
  • sostituzione carta:  30 euro;
  • fido massimo pari a 10.000.

Come ottenere la carta di credito BCC? I requisiti

Attenzione alle modalità con cui domandare ed ottenere la carta di pagamento in questione. Infatti, la richiesta deve essere fatta di persona presso una delle sedi di BCC, giacchè non non è presente un servizio web apposito.

Inoltre, è da rimarcare che le carte non sono integralmente gestibili via web tramite il servizio di homebanking. Ciò implica che sia necessario andare in una filiale per compiere alcune operazioni. In ogni caso, per ottenere la carta sono necessari:

  • un documento di identità in corso di validità;
  • il CF;
  • la doverosa documentazione con cui si comprova il possesso di un reddito annuo;
  • un conto corrente presso BCC.

Non deve dunque stupire che da un lato la banca dia la carta di credito BCC solo a chi è già correntista e che, dall’altro, svolga tutti gli opportuni controlli circa la ‘solidità’ patrimoniale di chi la richiede.

Le opinioni di chi ha provato la carta di credito BCC

A questo punto, focalizziamoci sui pareri dei clienti che hanno scelto la carta di credito BCC, in modo da orientare il cliente verso la migliore scelta per le proprie esigenze.

Le recensioni positive della carta di credito BCC

Tra i commenti positivi su questa carta di credito, abbiamo chi ha sottolineato l’utilità del servizio SMS Alert, per tutelare il possessore contro possibili usi fraudolenti del prodotto. Inoltre, l’SMS Alert è in grado di avvertire il titolare con messaggio telefonico laddove sia effettuata una transazione: questo aspetto ha rassicurato non pochi clienti.

Pareri positivi anche con riguardo alla possibilità dell’anticipo denaro contante e con riferimento all’utilizzo della tecnologia contactless per i pagamenti, ormai sempre più diffusa nel settore.

Sempre sul piano della sicurezza, elogi per il sistema 3DSecure, ossia un meccanismo di controllo intelligente che aiuta a controllare l’attendibilità degli e-commerce e degli store digitali, nei quali si intende comprare online. Anzi, per favorire transazioni sicure, il sistema spedisce una password usa e getta da utilizzare, per autenticare la transazione.

Non solo. La tecnologia Chip&Pin, è utilizzata dalle carte di credito BCC per rendere più forte la protezione antifrode delle stesse carte di pagamento. Per questa via, prosegue la lotta contro il problema della clonazione.

Ancora, soddisfazione espressa per la cd. Emergency card, vale a dire una carta temporanea, ottenibile  in caso di furto; clonazione o smarrimento. E in caso di malfunzionamenti come, ad esempio, una semplice smagnetizzazione.

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito Widiba, i clienti sono soddisfatti?

Le recensioni negative di carta di credito BCC

In verità, non molti i commenti negativi, con riferimento alle carte di credito in oggetto. C’è però chi ha puntato il dito contro il personale di filiale, non sempre così preparato o bendisposto a dare chiarimenti e delucidazioni sull’utilizzo della carta in questione. Tra i critici anche chi ha sottolineato i costi non esigui, legati al possesso nel tempo della carta, specialmente se ci riferiamo alle carte di livello superiore a quella base o Classica.
Tra i meno soddisfatti anche coloro che hanno lamentato alcuni disguidi di natura tecnica durante la navigazione nel sito ufficiale BCC, dopo aver immesso le proprie credenziali e coloro che hanno fatto notare che il tetto del fido non è particolarmente elevato.