La vicenda ha dell’incredibile una storia che sembra arrivare da un’epoca lontana, la sorpresa, alla fine , sarà grande.

Bancomat
Bancomat (Adobe)

La storia ha dell’incredibile, ed ha luogo in un piccolo centro della provincia di Chieti,  San Giovanni Teatino. Il protagonista di questa storia, si reca al bancomat nel centro del parse per effettuare un prelievo. Quel giorno, gli occorre prelevare 300 euro, ma la macchina, il più classico degli ATM, in quel momento decide di non funzionare. Il denaro, insomma, non viene fuori, qualcosa non sta andando per il verso giusto, l’uomo comincia a preoccuparsi.

A questo punto l’uomo, seriamente preoccupato, ritira la sua carta dal bancomat e si reca all’interno degli uffici per chiedere chiarimenti a riguardo, e soprattutto per esser sicuro che i suoi soldi siano al sicuro. Nel frattempo altre persone in fila dietro di lui accedono al bancomat. UN 34enne del posto, di turno dopo il protagonista della nostra vicenda, avvicinandosi all’ATM, trova però una inattesa sorpresa. La sua reazione è incredibile.

Le banconote lasciate nel bancomat: il gesto del ragazzo riempie d’orgoglio la comunità

Recuperate le banconote, il 34enne si guarda intorno per capire se la persone, proprietaria di quei soldi, fosse ancora in giro. Non trovandola il giovane si è quindi recato presso la vicina stazioni dei Carabinieri di Sambuceto. Raccontato l’episodio e restituita la somma, il ragazzo ha fatto in modo che gli stessi agenti iniziassero subito le indagini. Attraverso i filmati recuperati dalle telecamere di sorveglianza della banca, e le indicazioni circa l’orario fornite dal giovane, ritrovare il legittimo proprietario di quei soldi è stato più che semplice.

Rintracciato l’uomo, legittimo proprietario dei soldi, è stata riscontrata la sua profonda incredulità di fronte a quanto accaduto. Non si aspettava un gesto simile, quasi sicuramente, ormai pensava di aver perso quei soldi.

LEGGI ANCHE >>> Niente più prelievi al bancomat: da luglio scatta ufficialmente lo stop

Il gesto del 34enne non è certo passato inosservato, tutta la comunità estremamente colpita da quel gesto, ed inorgoglita per l’atteggiamento di un suo rappresentante ha accolto con entusiasmo la notizia. Vicenda che da speranza, di questi tempi, merce assai rara.