Con il Sostegni bis, si lavora all’esenzione dal ticket anche per i contribuenti che abbiano contratto il virus o in monitoraggio post-guarigione.

Esenzione ticket
Foto di Bruno /Germany da Pixabay

E’ di natura variegata lo stock di aiuti previsti con il Decreto Sostegni bis. Oltre a rimpinguare le misure di sostegno previste per i lavoratori in crisi profonda, la seconda tranche di assistenza statale potrebbe riservare qualche novità importante anche in ottica agevolazioni. E visto che ci troviamo in piena emergenza sanitaria, ecco che viene concepita l’idea di estendere l’esenzione del ticket a tutti coloro contagiati dal Covid-19 e soggetti ai controlli di monitoraggio una volta guariti. Chiaro, al momento c’è solo una bozza ma sembra probabile che l’esenzione andrà a coprire tutte le derive dovute al coronavirus.

Più nello specifico, si tratterà di una copertura riguardante i monitoraggi connessi alla gestione dell’emergenza sanitaria, sia a livello di programmi regionali che tramite prescrizione da parte dei medici di famiglia. Per il momento, sempre in linea teorica, l’estensione dell’esenzione dovrebbe durare due anni. Con possibilità di allungarsi qualora la pandemia si prolungasse ulteriormente.

LEGGI ANCHE >>> Il Fisco perfeziona la lente di ingrandimento, ma i dati saranno anonimi

Esenzione ticket e Covid, a chi spetta

Un piano di esenzione che dovrebbe facilitare le cose a chi ha attraversato la difficile prova della pandemia e, successivamente, le complesse procedure di uscita. Assieme agli eventuali strascichi che la contrazione del virus può portare a chi lo ha contratto. Resta inteso che le esenzioni del ticket restano invariate rispetto a quelle che erano le procedure standard pre-pandemiche. In sostanza, verranno esclusi dal pagamento coloro che rientrano in determinate fasce di reddito e per chi patisce gravi patologie croniche. Nel primo caso, l’esenzione si rivolge ai disoccupati e a coloro con reddito complessivo familiare sotto i 36.151,98 euro (codice E01).

LEGGI ANCHE >>> Aiuti a fondo perduto: come inserirli nella Dichiarazione dei redditi

Rientrano nell’agevolazione, anche coloro in stato di disoccupazione con familiari a carico e reddito inferiore a 8263,31 euro l’anno. A 11.262,05 qualora anche il coniuge si trovi in condizione di carico, con l’aggiunta di 516,46 euro per ogni figlio a carico. Il codice, in questo caso, è l’E02. E03, invece, per i titolari di assegno sociale e con eventuali familiari a carico. Per coloro che percepiscono pensione minima e con più di 60 anni di età (sempre con familiari a carico), il limite di reddito sarà di 8.263,31 euro, 11.262,05 se il coniuge è a carico e altri 516,46 euro per ogni figlio (sempre a carico). Codice, E04.