Buone notizie per le famiglie con figli fino a tre anni di età, che possono beneficiare del bonus asilo nido, con un importo massimo pari a 3 mila euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Fonte: Pixabay

Diventare genitori è senz’ombra di dubbio l’esperienza più bella della propria vita. Con un semplice sorriso, infatti, i figli sono in grado di rallegrare le nostre giornate. Dall’altro canto non si può negare che si tratti anche del mestiere più difficile del mondo, che porta a dover fare i conti con alcuni aspetti di tipo pratico, tra cui le spese che bisogna sostenere per mantenere e crescere un figlio. A partire dall’alimentazione, passando per l’istruzione, fino ad arrivare alle varie necessità quotidiane, d’altronde, sono molte le voci che vanno ad incidere sul bilancio famigliare.

Se tutto questo non bastasse, l’attuale crisi economica causata dall’impatto del Covid, porta molte famiglie a dover fare i conti con delle serie difficoltà, con molte famiglie che non riescono più a pagare le varie spese. Proprio in questo ambito, quindi, si rendono necessarie delle misure ad hoc da parte dell’esecutivo, in modo tale da offrire un valido aiuto alle famiglie, come ad esempio il bonus baby sitter e i congedi parentali. Ma non solo, in presenza di bambini fino ai 3 anni di età è possibile beneficiare anche del bonus asilo nido, fino ad un massimo di 3 mila euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Figli in DAD, arriva il bonus baby sitter: tutto quello che c’è da sapere

Bonus asilo nido fino a 3 mila euro: tutto quello che c’è da sapere

Bonus asilo nido
Fonte Pixabay

Le famiglie con un bambino con meno di tre anni di età possono beneficiare del bonus asilo nido, fino ad un massimo di 3 mila euro. Come facilmente intuibile dal nome, tale beneficio è destinato a coprire i costi per asilo nido e strutture autorizzate per l’infanzia. Nel caso in cui il minore sia affetto da qualche patologia, per la quale non possa frequentare l’asilo nido, inoltre, il bonus può essere utilizzato per l’assistenza domiciliare.

A differenza di molti altri tipi di bonus, non sono previsti limiti di reddito. Tutti quanti, infatti, purché in famiglia ci sia un bimbo fino ai 3 anni di età, possono beneficiare del bonus asilo nido. Tuttavia è bene sapere che, soprattutto in presenza di redditi bassi, conviene presentare l’ISEE. Grazie a tale indicatore, infatti, è possibile ottenere un bonus con un importo più alto.

Entrando nei dettagli, così come si evince dal messaggio Inps n. 802 del 24 febbraio 2021, gli importi del contributo, calcolati in base all’ ISEE del richiedente, sono i seguenti:

  • fino a 3 mila euro, in presenza di un Isee con valore massimo pari a 25 mila euro;
  • massimo 2.500 euro, con ISEE tra 25.001 e 40 mila euro;
  • fino a 1.500 euro, in presenza di ISEE superiore a 40 mila euro, oppure nel caso in cui il soggetto richiedente non presenti l’Indicatore della situazione economica equivalente.

LEGGI ANCHE >>> Crescere un figlio fino ai 18 anni costa una fortuna: le cifre

Per ottenere il contributo è necessario presentare la documentazione che attesta l’avvenuto pagamento delle singole rette. Il bonus viene quindi suddiviso in pagamenti mensili, eccetto il caso in cui si richieda il bonus per assistenza domiciliare. In quest’ultimo caso, infatti, l’importo massimo spettante viene versato in un’unica soluzione.