Tra le tante misure ed iniziative atte ad alleggerire la condizione di chi sta peggio, spunta l’operazione coinvolge le istituzioni.

Aiuti comune
Aiuti comune (Adobe)

I comuni scendono i campo per chi ha bisogno di essere sostenuto in questo triste e duro momento. La pandemia ha minato le fondamenta del nostro sistema. La crisi sociale ed economica scaturita dai contagi selvaggi degli ultimi mesi, ha portato a chiusura di aziende, ridimensionamenti, e quindi perdita di posti di lavoro, difficoltà, stenti. Il Governo ha dato la sua risposta, ha mostrato la sua presenza attraverso il Decreto Sostegni.

Una serie di interventi mirati, in ogni settore dell’economia e non solo. Interventi per liberi professionisti, lavoratori dipendenti, persone in difficoltà. Chiunque, ognuno nel proprio campo, nel proprio tipo di vita, sia stato colpito dagli effetti della pandemia, ha ricevuto o riceverà l’aiuto dello Stato, che cosi come in precedenza ha voluto far sentire in maniera forte e rassicurante, la sua presenza accanto ai cittadini.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Imprese, ecco il Sostegni Bis che nasce il 30 aprile

Le spese di casa? Per i redditi sotto gli 8mila euro ci penserà il Comune

A questo punto, lo Stato ha messo a disposizione una cifra che raggiunge il mezzo miliardo per assistere, attraverso le istituzioni comunali le famiglie che in questo momento attraversano momenti di difficoltà. Attraverso l’erogazione dei contributi in questione è possibile, se si è in possesso di particolari requisiti, tra cui un reddito non superiore agli 8mila euro, ricevere una quota utile al pagamento non soltanto dell’affitto di casa, ma anche di altre spese.

E’ possibile, quindi, oltre a ricevere una quota da destinare al pagamento dell’affitto di casa, ricevere un contributo per pagare anche determinate bollette per i servizi erogati presso la propria abitazione. Sostenere, insomma, a trecentosessanta gradi, le famiglie italiane in difficoltà.

LEGGI ANCHE >>> Bonus affitto: la novità introdotta dal Fisco che potrebbe non piacere

Lo Stato, insomma, mostra la sua presenza, rassicura le famiglie italiane e prova a dare speranza a chi, oggi, vive di stenti ed ha bisogno di credere in un futuro assai migliore.