Una incredibile serie di attività criminali, tutte sotto lo stesso cartello. Decine gli arrestati in tutto il paese con varie accuse.

Businessman putting money in his shirt pocket

Truffavano, violavano e derubavano a più non posso. 58 indagati per un giro di truffe e violazioni su tutto il territorio nazionale. La Guardia di Finanza, ha fermato con accuse di vario titolo, dall’associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale alla truffa ai danni di istituti di credito e sui finanziamenti e contributi pubblici per covid, fino alla bancarotta fraudolenta, senza dimenticare l’auto riciclaggio.

Lombardia, Emilia Romagna, Campania, Lazio, Calabria e Abruzzo le regioni coinvolte nell’operazione condotta dalle fiamme gialle. Beni per circa 40 milioni di euro sequestrati, tutti riconducibili alle 58 persone indagate per frode fiscale per una cifra complessiva di 100 milioni di euro e per truffa nei confronti degli istituti di credito. Professionisti provenienti da ogni parte d’Italia, insomma, per una maxi cordata di truffatori.

LEGGI ANCHE >>> Allarme: in Italia ognuno di noi sta per essere truffato

Rimborsi covid: truffa e frode fiscale tra le attività preferite dell’organizzazione

Un commercialista milanese, un consulente fiscale di Cologno Monzese ed un imprenditore calabrese i presunti principali referenti dell’associazione a delinquere al centro della grande inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza, che vede ben 58 persone indagate. I reati, come anticipato, vanno dalla truffa ai danni di istituti bancari e nei confronti di finanziamenti statali, si parla di contributi destinate alle piccole imprese, fino al riciclaggio di denaro.

Una lunga serie di reati insomma, al centro di una grandissima operazione portata avanti con grande tenacia ed efficienza dalle fiamme gialle. La truffa era la principale attività del gruppo, da quello che si è potuto evincere.

LEGGI ANCHE >>> Allarme: in Italia ognuno di noi sta per essere truffato

In tempi di crisi quindi, determinate attività proliferano e fanno anche discreti affari, considerato il giro di soldi che questa organizzazioni era riuscita ad intercettare, tra finanziamenti pubblici e truffa agli istituti di credito. Una organizzazione, per fortuna sgominata. Altri dettagli saranno presto forniti dagli inquirenti per comprendere ancora meglio la portata di tutta