Continua la criminale escalation dei truffatori che prendono di mira soprattutto gli anziani che vivono da soli. Come proteggerli e come proteggere noi stessi.

truffa poste 16 marzo

 

Il covid ha diviso le famiglie e ci sono genitori che non vedono ormai da tempo figli e nipoti. Questo vuol dire che la stragrande maggioranza degli anziani sono diventati improvvisamente vulnerabili per i criminali esperti in truffe. Sette milioni di over 75 potrebbero essere vittime nei prossimi giorni di ulteriori tentativi di truffa da parte di uomini e donne senza cuore che approfittano delle fragilità delle persone meno giovani.

Fragilità emotive soprattutto, tanto che sta andando in voga poprio la truffa che investe gli affetti. Chiedono ai vicini il nome di figli e nipoti, poi chiamano casa degli anziani e con una scusa si fanno dare dei soldi: il nipote che sta male, oppure ha avuto un incidente, o ancora ha un debito con persone pericolose. Quando gli anziani sentono il nome di un loro congiunto, non esitano mai a mettere mano ai portafogli. Ma quei soldi finiscono in mani sbagliate.

Ma non solo gli anziani vengono colpiti dai malviventi: le truffe soprattutto online sono all’ordine del giorno, tanto che si può affermare senza possibilità di smentita, che ognuno di noi sta per essere truffato: o almeno, sarà vittima di un tentativo di truffa. Da whatsapp a Facebook, fino alle telefonate dei finti impiegati di banca, la truffa è il male più grande di questi anni, diminuiscono le rapine e aumentano in modo esponenziale i tentativi di entrare nei nostri conti seguendo le formule più subdole.

LEGGI ANCHE >>> Truffa ai danni di anziani per 300.000 euro: scoperta dai carabinieri

Il rischio truffa non risparmia nessuno, come difenderci