Le condizioni economiche degli ultimi anni hanno scoraggiato i giovani non solo all’investimento ma anche al risparmio. Ecco un consiglio. 

Investimenti
Foto: Web

Muovere il denaro per non perderlo, un diktat sempre valido. Paradossalmente, soprattutto in un momento di incertezza come questo, vista la possibilità che i risparmi diventino passibili di qualche tassazione. Difficile, però, che il messaggio passi fra i risparmiatori, tutt’altro che convinti a rischiare i propri soldi in un momento storico che non offre garanzie, soprattutto a lungo termine. Chi ci rimette di più in questa situazione di stallo sono i giovani. I quali, travolti dagli eventi, si trovano con meno risparmi di quanti dovrebbero e potrebbero.

La mossa giusta per non rischiare troppo potrebbe essere muovere poco denaro. Accanto, naturalmente, a una tendenza al risparmio che dev’essere presente, magari disponendo il classico fondo d’emergenza per far fronte alle brutte sorprese. Eppure anche questa è una prassi che per i giovani comincia a essere difficoltosa. Colpa del momento ma anche di una politica economica che, negli ultimi anni, li ha tutt’altro che favoriti. Ma, come si diceva, un piccolo stanziamento può garantire belle sorprese se si ha la forza e la pazienza di aspettarle.

LEGGI ANCHE >>> Conto cointestato, brutte notizie: il rischio è dietro l’angolo

Opportunità per i giovani: l’investimento diventa oro

A volte basta davvero poco per riuscire a ritagliarsi un pezzo di futuro. Il quale, nello specifico, assume la forma e i connotati del fondo. Quello che, magari, a volte facciamo senza pensarci e che, invece, nel corso degli anni regala le soddisfazioni migliori. A pensarci bene bastano 100 euro al mese, ossia 3,33 euro al giorno, per creare dal nulla il cosiddetto gruzzolo, da accantonare magari con un fondo-pensione oppure con un buono o addirittura attraverso un investimento. In sostanza, si tratta di fare il ragionamento inverso a quello che un giovane farebbe: risparmiare i 3,33 euro al giorno anziché spenderli senza dar loro peso.

LEGGI ANCHE >>> Quanto è pericoloso dimenticare il PIN? Ecco i trucchetti per ricordarlo

L’obiettivo è una pianificazione strategica, in grado alla lunga di fornire non solo risposte ma anche strumenti. Cento euro al mese, come investimento, possono andar bene. Certo, meglio non rischiarli su mercati instabili (come ad esempio le criptovalute) ma indirizzarli sui cosiddetti fondi indicizzati sarebbe già un bel passo avanti. I soldi si muoveranno e frutteranno, formando un buon gruzzoletto già nei primi cinque anni. Vale la pena di pensarci.