Basta davvero un attimo per ritrovarsi con il conto svuotato. Moltissimi malcapitati utenti di Poste italiane e non solo si sono ritrovati davvero a secco.

Truffa on line
Truffa on line (Adobe)

Truffatori travestiti da tutt’altro. Questo inganna più di ogni altra cosa in una delle truffe più praticate negli ultimi anni. Il copione è sempre lo stesso, un sms o al massimo una mail in cui si chiede di ricontrollare le proprie impostazioni, il proprio conto o quel che sia, all’interno ovviamente del portale della vostra banca o, come in questo caso di Poste italiane. Un link posto in basso e l’invito ad entrare nella vostra pagina personale.

Chiaramente il trabocchetto è dietro l’angolo. Chiaramente da quel link si accederà ad una pagina fasulla che riproduce fedelmente l’homepage di un portale bancario o postale. Da li si verrà reindirizzati quindi su una finta pagina dal quale alla fine delle vostre operazioni di inserimento delle credenziali, queste ultime vi saranno, di fatto rubate. I truffatori, disporranno, quindi, del vostro conto corrente a proprio piacimento.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente cointestato e giacenze maggiori di 100.000 euro: facciamo chiarezza

Attenti alla truffa on line: sempre più utenti cadono nel tranello dei malfattori

Truffa poste
Truffa poste

La riuscita di certe truffe, dipende sempre, ovviamente dalla troppa ingenuità degli utenti, che nel dubbio, o presi magari da altro leggono con estrema superficialità gli sms ricevuti. Basterebbe tenere bene in mente, cosi come banche e poste, sempre ricordano, che determinati avvisi o comunicazioni, non arrivano mai per sms, e mai comunque nel modo presentato dai truffatori volta per volta. Già questo potrebbe evitare tante spiacevoli situazioni.

La truffa è sempre dietro l’angolo, le modalità, purtroppo, sempre le stesse. Gli utenti, tendono a minimizzare, a volte ciò che arriva sui propri smartphone. Purtroppo, in molti casi, è quasi impossibile recuperare i soldi di cui si è stati derubati, e quindi il danno sarà alla fine ancora più importante.

LEGGI ANCHE >>> Per due anni paga le bollette di un altro, la truffa da non credere

Basterebbe stare più attenti e magari leggere meglio ciò che si accetta, cliccando sul fastidiosissimo e pericolosissimo link.