Una pratica che può presentarsi una volta ogni dieci anni o entro tempi stretti. In entrambi i casi, rinnovare la patente si può fare spendendo poco.

Rinnovo patente
Foto: Web

Quando va bene, il discorso si affronta e si rimanda ai dieci anni successivi. In altri casi bisogna parlarne a intervalli più ravvicinati ma il problema non è solo quello. Il rinnovo della patente di guida non è solo una scadenza da tenere bene a mente, specie se per qualche ragione lo si effettua più spesso. Si tratta anche di un onere, che va sostenuto al pari della visita oculistica e di tutto il resto. In questo senso, un distinguo va fatto immediatamente: il rinnovo della patente non può infatti prescindere da alcuni costi fissi, quali il bollettino postale (10,20 euro) al Dipartimento dei Trasporti terrestri, così come quello per la Motorizzazione civile (altri 16).

E si tratta solo di quelli invariabili della categoria dei costi fissi. Altri, come i diritti sanitari, possono mutare da regione a regione, ma comunque andranno sostenuti. Possono sì modificare l’importo della spesa, ma non certo in senso di sottrazione. Se davvero si vuole limitare le uscite (e questo vale soprattutto per chi deve rinnovare la patente più spesso) sono i costi variabili che dovranno essere limitati. E qui il discorso si allarga abbastanza. Un po’ perché non si tratta di spese impossibili, e un po’ per la possibilità di contenerli al massimo.

LEGGI ANCHE >>> Patente internazionale: cos’è e come si ottiene

Tre spese su tutte fanno parte dei costi variabili: la visita medica, la gestione della pratica (peraltro eventuale) e, infine, la foto tessera. Nell’ultimo caso, che è anche il più semplice, le scelte sono due: un fotografo professionista o una macchinetta automatica. Tre se si opta per il fotografo della scuola guida. Inutile dire che nel primo caso si rischia un costo più alto ma è difficile che si possano sforare i 10 euro. Diverso è il discorso per quel che concerne la visita medica. In questo caso la differenza la fa colui che si sceglie per portare avanti la pratica (e questo vale anche per la gestione).

Patente di guida, la grana del rinnovo: come risparmiare qualcosa

Con l’autoscuola andremo sui 100-150 euro, affidando a loro la gestione di tutta la pratica (inclusa la visita medica). Alcune includono anche le fototessere e il costo varia di poco. Certamente mettere tutto in mano a un unico interlocutore può far risparmiare tempo e il costo non sembra eccessivo. Qualora si scelga di risparmiare, la controindicazione sarebbe un allungamento dei tempi: l’appuntamento all’ufficio territoriale Aci, ad esempio, potrebbe farci risparmiare anche 50 euro. La Asl anche di più (costo medio 30-50 euro per la visita) ma i tempi di attesa sarebbero perlomeno il doppio.

LEGGI ANCHE >>> Patente scaduta? Ci sono nuove regole causa Covid per il rinnovo

Altre possibilità sono la Direzione Sanità di Rete Ferroviaria italiana (45 euro di visita medica) e il medico abilitato dal Ministero della Salute (30 euro). In entrambi i casi si risparmia a livello complessivo: quasi sicuramente non si andrà sopra gli 80 euro complessivi, inclusi i costi fissi.