Fineco ha inviato una lettera ai suoi correntisti attraverso la quale li avvisa di una possibile chiusura del conto a fronte del mancato rispetto di una regola basilare

Fineco
Fonte Instagram

Fineco fa sul serio. Attraverso una lettera inviata il 18 marzo 2021 ai suoi correntisti il gruppo bancario ha inviato una proposta di modifica unilaterale del contratto. L’amministratore delegato Alessandro Foti ha fatto sapere che la banca d’ora in avanti si avvarrà del diritto di recedere in qualsiasi momento da ogni singolo rapporto.

Nel caso lo farà tramite raccomandata, Pec o altro strumento equivalente con due mesi di preavviso. Ma quando potrà avvalersi di questa facoltà? Quali sono le condizioni che il cliente deve tassativamente rispettare per evitare che la Fineco opti per la chiusura del conto?

LEGGI ANCHE >>> Truffa della banca: ripuliscono il conto fingendosi dipendenti

Fineco: ecco perché potrebbero essere chiusi i conti corrente

Ciò avviene quando sul conto c’è una giacenza media uguale o superiore a 100mila euro, assenza di qualsiasi forma di finanziamento e di investimento in prodotti di risparmio. Ricapitolando chi dispone sul proprio conto corrente della suddetta cifra e non compie nessuna operazione di prestito e finanziamento viene tagliato fuori.

Alla base di questa decisione c’è il costo della liquidità che è diventato più oneroso per le banche in virtù della riduzione del tasso Euribor a 1 mese. Per effetto di ciò sono venute meno le condizioni che erano state stabilite a novembre 2019 quando erano state riviste le condizioni economiche del conto Fineco.

LEGGI ANCHE >>> Truffa SMS, come richiedere ed ottenere il rimborso dalla banca

Fineco in questo modo non ci guadagna più con chi ha troppi soldi sul conto e ciò diventa un problema da eliminare. Un’azione in linea con i principi della banca che vuole rendere più efficienti i conti ad alto tasso di liquidità (che non solo numerosissimi), che però di fatto risultano inattivi. Al contempo ci sarà maggior selezione al momento delle nuove acquisizioni. Un modo per evitare che si vengano a verificare situazioni di questo tipo in futuro.