Pensioni, ecco tutte le modalità per richiederla

Le pensioni sono una tematica tra le maggiormente dibattute e chiacchierate. Ma ecco come e quando è possibile richiederle.

pensione
(Fonte: Getty Images)

Le pensioni sono senza alcun dubbio uno degli argomenti maggiormente dibattuti e chiacchierati. La questione è stato oggetto, nel corso degli ultimi decenni, di riforme che ancora oggi fanno parlare il mondo politico e sociale. E ovviamente non potrebbe davvero essere altrimenti, visti anche i possibili cambiamenti previsti nel 2022.

Ma ecco che c’è una domanda che in molti, soprattutto in un certo periodo della vita, si fanno: quando e in che modo si può richiedere? Giusto spiegare alcuni dettagli e provare a fare chiarezza una volta per tutte. In fondo, la curiosità non può che essere tantissima.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, che succede una volta finita quota 100?

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, grandissima attesa per aprile: ecco il motivo

Pensioni, ecco come presentare la domanda

(Fonte: Pixabay)

Infatti a volte può non essere semplice e facile capire quando si raggiunge il diritto alla pensione e dunque a presentare la domanda. Questo dipende in primis dal fatto che la normativa attualmente in vigore permette una serie di deroghe su cui occorre fare il punto.

Inevitabilmente un discorso a parte meritano le persone affette da disabilità. Innanzitutto va tenuto conto che per queste ultime vi è la possibilità di accedere all’assegno ordinario di invalidità, erogato a chi ha una capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo. Che opportunità invece ci sono per la pensione? In questo caso una soluzione è offerta dalla pensione di vecchiaia anticipata per lavoratori invalidi. Difatti questa consente e permette il pensionamento al compimento dei 61 anni. Necessaria però è una finestra di attesa di un anno.

Un altro aspetto importante è senza alcun dubbio quello legato ai contributi. Infatti, nel caso età e questi coincidano, si arriva a maturare il diritto a una pensione contributiva. Un esempio? Con quasi 69 anni di età e 22 di contributi si può accedere a una pensione di vecchiaia con un importo pari o superiore a 1,5 volte l’assegno sociale INPS. Insomma, tutto varia da situazione a situazione. Occorre analizzare normativa vigente, deroghe e analizzare il proprio percorso di lavoro.