Decreto Sostegni: bonus a fondo perduto per una nuova categoria di lavoratori

Il nuovo Decreto Sostegni prevede degli aiuti per i lavoratori autonomi iscritti agli ordini. I sussidi verranno erogati in base alle perdite riscontrate nel 2020

Decreto sostegni
Soldi del bonus (Fonte foto: Pixabay)

Il Decreto Sostegni che dovrebbe entrare ufficialmente in vigore nei prossimi giorni ha introdotto nel sistema di aiuti, una categoria finora esclusa. Si tratta di quella riguardante i professionisti, ovvero di coloro che sono iscritti a determinati ordini.

Il problema però potrebbero essere le tempistiche dell’approvazione, che sarebbe già dovuta avvenire. In attesa di capire quando saranno risolti i problemi (si punta ad un testo più snello, che si fermi al di sotto dei 50 articoli) e della successiva ufficialità, cerchiamo di capire chi sarà ricompreso nel nuovo provvedimento.

LEGGI ANCHE >>> Il Decreto Sostegni ed il famoso bonus da 3000 euro: arriverà davvero?

Decreto Sostegni: chi riguarda il nuovo bonus che sarà elargito dal Governo

L’obiettivo è quello di ampliare la platea a 3 milioni di persone e aiutare coloro che hanno avuto delle perdite di almeno il 33% lo scorso anno. In virtù di ciò secondo quanto si auspica il Governo ci saranno 800mila nuovi beneficiari tra avvocati, commercialisti, geometri, architetti e ad altri iscritti a vari ordini. Sostanzialmente si tratta di una rimodulazione del “Reddito di ultima istanza” che era stato erogato esattamente un anno fa attraverso il famoso Decreto Cura Italia.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegno: più soldi per il reddito di emergenza ma non per tutti

Nel nuovo Decreto sono ricompresi naturalmente anche i sostegni per le partita Iva e le piccole imprese, per un’ammontare totale di 12 miliardi di euro. Spazio naturalmente anche ai vaccini, che nonostante il caso Astrazeneca che ormai imperversa in tutta Europa, è considerata la via di uscita più rapida da questa situazione. Draghi ha intenzione di chiedere 5 miliardi di euro da utilizzare nell’acquisto, la somministrazione e la produzione nazionale delle dosi.