Stop ai licenziamenti, il Governo decide: blocco fino a ottobre

Stop licenziamenti: il Governo ha deciso per il blocco fino al mese di ottobre. Ma ecco tutti i dettagli sulla questione.

stop licenziamenti
(Fonte: Pixabay)

Il mondo del lavoro sta facendo i conti con una grande crisi creata dalla pandemia da Covid-19, iniziata ormai circa un anno fa. Ed ecco che una delle misure che è stata adottata fin dai primissimi mesi è stata inevitabilmente quella del blocco dei licenziamenti. E, come era già stato annunciato tante volte negli scorsi giorni, su questa tematica ci sono delle novità molto importanti e che non passano inosservate.

Il Governo si sta muovendo in questi ultimi giorni per adottare un provvedimento che prolunghi questa misura. Ma quali saranno le scadenze? Giusto entrare nel dettaglio e nello specifico, spiegando il tutto.

LEGGI ANCHE >>> Lavoro, arrivano più soldi in busta paga?

LEGGI ANCHE >>> Blocco licenziamenti, ma esistono degli escamotage?

Stop licenziamenti, arriva la decisione del Governo

(Fonte: Pixabay)

L’esecutivo guidato da Mario Draghi ha deciso di portare fino al mese di giugno il blocco dei licenziamenti per chi dispone di ammortizzatori sociali, come, per esempio, la Cassa Integrazione. La grande novità però è perché è senza Cig. Per questi ultimi lo stop durerà fino al prossimo autunno, più precisamente fino al mese di ottobre. Ma l’obiettivo del ministro del Lavoro Andrea Orlando sembra essere un altro, ossia una vera e propria riforma del sistema degli ammortizzatori sociali.

Il membro del Governo, che ha rilasciato una lunga e interessante intervista ai microfoni di Radio Anch’io, ha spiegato che entro fine marzo o massimo inizio aprile dovrà essere varato il documento con tutte le politiche e le misure sugli ammortizzatori sociali. L’idea potrebbe essere quella di allargare i requisiti per l’accesso al reddito di emergenza. Purtroppo ci sono nuovi poveri ed è per questo che occorre cercare di allargare un po’ la coperta per coprire e per aiutare tutte le persone che si sono trovate improvvisamente in una situazione di difficoltà“, ha detto Orlando. Insomma, la decisione è stata presa. Ora non resta che attendere che sarà messa in un vero e proprio provvedimento. La data però già c’è ed è quella di ottobre.