Alimenti tolti dal mercato mondiale dall’Oms: causano problemi gravi

L’Oms toglie alcuni alimenti dal mercato mondiale: ecco quali non vedremo più dal 2023 e quali problemi comportano

Alimenti tolti dal mercato mondiale dall'Oms: causano problemi gravi
Oms (Fonte foto: web)

L’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), ha monitorato a lungo alcuni alimenti che avrebbero potuto portare dei problemi a lungo andare, ai consumatori. Al termine delle indagini, l’Organizzazione ne ha addirittura eliminati alcuni dal mercato mondiale. L’Oms spiega in un documento, che entro il 2023, non ci dovranno essere alimenti con grassi idrogenati al loro interno.

Si è calcolato che il 30% delle morti per problemi cardiaci su scala mondiale, potrebbero essere causate proprio al consumo di quel tipo di grassi. Pochi, sono i consumatori che sanno effettivamente in quali alimenti ci siano i grassi idrogenati. Sicuramente sono spesso nelle patatine fritte, ma anche in alimenti come alcuni biscotti per bambini.

Leggi anche>>> Ruba al supermercato, scappa ma poi ci ritorna da ubriaco: l’epilogo è già scritto

Leggi anche>>> I vaccini che uccidono e i negozi chiusi: incendiata la sede dell’Iss

Perché l’Oms toglie dal mercato mondiale alcuni prodotti?

I grassi idrogenati sono ottenuti industrialmente miscelando alcuni prodotti, tra cui degli oli di una qualità discutibile, al fine di insaporire i prodotti. Questo però, può causare l’aumento di colesterolo, nonché problemi al cuore. Sono tantissimi, i prodotti industriali in cui potremmo trovare questi grassi modificati, come: cornetti, grissini, patatine, creme dolci, lecca lecca, biscotti ed ancora molti.

Quelli che vengono detti anche grassi trans, perché effettivamente trasformati (abbreviando la parola transform dall’inglese), sono diventati motivo di grande ansia per l’Organizzazione Mondiale della Sanità. E con questo, si è arrivati alla decisione di allontanare tali prodotti dal mercato, entro due anni, appunto, al 2023.

Con questa decisione, l’Oms ora monitora tutti gli Stati mondiali, al fine di assicurarsi l’effettivo allontanamento dei grassi saturi, dalle tavole delle persone. Visto che la decisione è stata presa da poco, si dà tempo due anni alle industrie, per eliminare quei prodotti, man mano dalle proprie produzioni.